Tutte le armi americane che piacciono all’India

Tutte le armi americane che piacciono all’India

Gli Stati Uniti superano la Russia come primo fornitore di armamenti all’India, a sua volta primo importatore al mondo. La notizia del sorpasso emerge da un rapporto di IHS Jane’s, che sottolinea inoltre come Nuova Delhi abbia scalzato il principale acquirente di Washington: l’Arabia Saudita.

AFFARI MILIARDARI
In totale gli indiani hanno importato sistemi d’arma made in Usa per un valore di 1,9 miliardi di dollari. “Assistiamo a un cambio di paradigma tra gli attori principali”, spiega Ben Moores, analista e autore del rapporto, citato dal Financial Times.C’è un divario di capacità tra India e Cina”, spiega ancora al quotidiano della City. Divario che Delhi cerca di colmare con la tecnologia statunitense.

PRIMO IMPORTATORE
Già nel 2010, l’India era diventata il principale importatore d’armi al mondo. Primato mantenuto negli ultimi tre anni, secondo i dati diffusi dall’Istituto per le ricerche sulla pace di Stoccolma (Sipri).

EXPORT IN AUMENTO
Il volume dell’export di equipaggiamenti militari Usa verso l’India è passato dai 237 milioni di dollari del 2009, agli 1,9 miliardi dell’anno scorso. Da solo Delhi equivale a circa il 10 per cento dell’intero mercato globale dal valore di 63 miliardi di dollari.

LE STATISTICHE
Come spiega il FT, le statistiche degli scambi Usa-India sono tanto più significative perché tenendo in conto le consegne e non i contratti, devono essere messe a confronto con i problemi di altri fornitori che spesso vedono gli accordi ostacolati da casi di corruzione (basti pensare alla vicenda degli elicotteri Agusta) o per motivi di bilancio, come accaduto con il rinvio al prossimo anno fiscale della finalizzazione dell’accordo per l’acquisto di 126 aerei Rafale dalla francese Dassault. Il motivo sta nelle parole dello stesso ministro alla Difesa AK Antony, “non ci sono i soldi”, spiegava a inizio febbraio.

ultima modifica: 2014-02-24T16:14:22+00:00 da Andrea Pira

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: