Quanto e come cresce Techedge

Quanto e come cresce Techedge
I numeri della semestrale, i nuovi clienti, gli ingressi nel cda e le prospettive

Il Gruppo Techedge, attivo nelle soluzioni tecnologiche per i processi aziendali, nonostante la crisi prosegue nel suo percorso di internazionalizzazione. Una chiusura positiva per il primo semestre dell’anno, che vede il valore della produzione salire di 31 milioni di euro rispetto al 2013.

PANORAMA ITALIANO

Il gruppo italiano ha saputo acquisire molti nuovi clienti quali: Finmeccanica, Calzedonia, Diesel, Saras/Rosneft, Luxottica, Lukoil, IlSole24Ore, Poste Italiane, Sara Assicurazioni, IEO – Istituto Europeo di Oncologia, De Agostini, Johnson Controls, Shell. Il Gruppo si è anche aggiudicato un contratto pluriennale del valore di 6 mln di euro con Eni nell’area della manutenzione delle raffinerie e il progetto per la nuova reportistica del neonato gruppo Fiat-Chrysler.

GLI INGRESSI

Incoraggianti gli indici di redditività con il Roe, return on equity, attestato al 19% ed il Roi, return on investment, pari al 13%. L’assemblea degli azionisti riunitasi oggi ha anche deliberato la nomina di due nuovi consiglieri di amministrazione indipendenti: Attilio Befera e Francesco Bianchi.

PROSPETTIVE

“Il nostro Gruppo ha ampliato nell’ultimo biennio il portafoglio di soluzioni specialistiche per il controllo e l’incremento della produttività. Questa rinnovata offerta ci permette di individuare le migliori opportunità di crescita all’estero”, ha commentato l’amministratore delegato Domenico Restuccia, “l’obiettivo è quello di essere operativamente presenti come gruppo in ben 10 diversi paesi in aggiunta all’Italia già per la fine di quest’anno. Il 2015, poi, sarà l’anno nel quale sarà tagliato di slancio il traguardo dei 100 mln di euro di fatturato ed il peso del fatturato italiano scenderà al 60% del totale”.

Attualmente il Gruppo Techedge è direttamente operativo con sue società controllate in cinque paesi: Usa, Brasile, Germania, UK e Russia.

ultima modifica: 2014-08-07T16:45:08+00:00 da Redazione

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: