Perché il Movimento Cristiano Lavoratori parteciperà al Family Day

Perché il Movimento Cristiano Lavoratori parteciperà al Family Day
L'intervento del presidente del Movimento Cristiano Lavoratori, Carlo Costalli

Non mi pare che lo smantellamento del modello di famiglia, peraltro voluto e sancito dalla nostra Costituzione, rientri fra le tante vere emergenze che il Paese deve affrontare: piuttosto sarebbe bene che il Governo si occupasse finalmente in modo costruttivo delle migliaia di famiglie italiane che vivono momenti drammatici, abbandonate a se stesse e alle proprie difficoltà, anche economiche, per l’assenza di politiche di sostegno e di agevolazione fiscale, per la disoccupazione, per la crisi che morde alle caviglie, per l’inadeguatezza delle politiche scolastiche e sanitarie.

Da tanto tempo denunciamo, inascoltati, la solitudine quasi pneumatica che vivono le famiglie italiane, vera cenerentola di scelte politiche e sociali miopi e strumentali, pensate solo in funzione degli appuntamenti elettorali. Se di fronte a tutto ciò l’unica preoccupazione del Governo è quella di favorire la stepchild adoption siamo veramente lontani dall’essere quel Paese illuminato e all’avanguardia della civiltà che pretendiamo di essere. I sacrosanti diritti umani che si pretende di voler tutelare con il ddl Cirinnà, non necessitano né richiedono lo stravolgimento del modello familiare: basterebbero infatti poche ma buone norme di diritto civile per assicurare alle coppie, anche a quelle non sposate, diritti meritevoli di tutela da parte dell’ordinamento.

Ben venga dunque una manifestazione volta a richiamare l’attenzione sul vero senso della famiglia fondata sul matrimonio fra un uomo e una donna e aperta alla procreazione: il mio auspicio è che siano in tantissimi in piazza, sabato 30 gennaio, gli iscritti del Movimento Cristiano Lavoratori che vorranno dare il loro sostegno alla famiglia. Quella vera.

ultima modifica: 2016-01-24T08:30:31+00:00 da Carlo Costalli

 

 

 

 

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: