Ecco come e perché la Fed farà salire i tassi Usa

Ecco come e perché la Fed farà salire i tassi Usa
Il commento di Franck Dixmier, Global Head of Fixed Income di Allianz Global Investors

Ci attendiamo che il prossimo 14 dicembre il Federal Open Market Committee (FOMC) della Federal Reserve annuncerà un rialzo di 25 basis point dei tassi di interesse. I mercati attribuiscono una probabilità del 100% a tale ipotesi, che è pertanto già pienamente riflessa nelle attuali valutazioni.

Nelle sue successive comunicazioni, la Fed sottolineerà probabilmente l’importanza di una stretta osservazione dell’inflazione sul mercato Usa. Se da un lato la banca centrale statunitense dovrebbe riconoscere come la recente forza del Dollaro Usa sia equivalente ad un implicito restringimento delle condizioni monetarie, questo dall’altro lato sarà bilanciato da trend positivi nei salari e aspettative su inflazione e petrolio in miglioramento. Tale combinazione confermerà lo scenario della Fed di un incremento dell’inflazione core, giustificando quindi aggiuntivi incrementi dei tassi nel 2017. L’interrogativo si sposterà di conseguenza su come la Fed potrà rispondere alla prospettiva di una crescente inflazione il prossimo anno.

Le proiezioni dei tassi della Fed (i cosiddetti “dot plots”), nonostante l’affidabilità storicamente molto limitata, saranno osservate con attenzione e potranno fornire una prima indicazione dei prossimi step della banca centrale Usa. Tuttavia dobbiamo riconoscere che, anche in un contesto di probabili rialzi, gli ultimi due anni hanno mostrato la scarsa influenza che tali stime hanno sui mercati, che sono rimasti agnostici rispetto alla prospettiva di tassi in rialzo.

A questo dobbiamo poi aggiungere le misure economiche ancora poco conosciute del Presidente neo-eletto Donald Trump. Nel fornire le proprie stime di inflazione e crescita, la Fed non può incorporarvi quelli che sinora si sono limitati a poco più di semplici annunci circa la futura politica economica. Le aspettative della banca centrale potranno quindi essere valutate appropriatamente solo quando il programma di Trump si sarà trasformato in realtà. In tale contesto, è probabile che l’annuncio di questa settimana da parte della Fed avrà solo un impatto marginale sui mercati.

ultima modifica: 2016-12-13T12:38:36+00:00 da Franck Dixmier

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: