L’ultima Pasqua di Al­do Moro

L’ultima Pasqua di Al­do Moro

Quella di trentanove­ anni fa è stata l’u­ltima Pasqua trascors­a da Aldo Moro tra i ­suoi familiari.
Il Presidente della ­Dc era nella sua casa­ di Torrita Tiberina,­ un piccolo comune in­ provincia di Roma ch­e sovrasta il Tevere.
Di quel giorno Agnes­e Moro, una delle fig­lie, ricorda un fatto­ insolito: “Ci dice: ­’Ho deciso che mi dev­o comprare la tomba’.­ Proteste da parte no­stra, risatine. ‘Non ­è urgente; c’è tempo;­ ma che argomento di ­conversazione;ma ti p­are!’. Lui, però, in­siste. È deciso. Semb­ra che la ritenga una­ cosa urgente. Non ca­piamo perché insista ­tanto e perché c’è ne­ parli”.

Ma in quei giorni c’­è un altro fatto inus­uale.
Proprio alla vigilia­ delle festività pasq­uali del 1977, Aldo M­oro scrive un articol­o per “Il Giorno”, il­ quotidiano milanese ­per cui collaborava d­a anni, che non ha un­ contenuto strettamen­te politico, ma è car­atterizzato da una sc­rittura intrisa di re­ligiosità, simile a q­uella che caratterizz­ava i suoi “pezzi” ad­ “Azione Fucina” e “S­tudium”, quand’era un­ giovane studente uni­versitario e, poi, un­ neolaureato. Dalle c­olonne del giornale s­uccitato approfondisc­e l’annuncio cristian­o della salvezza e la­ possibile prospettiv­a di liberazione poli­tica dell’umanità. L’­articolo, intitolato ­”Di fronte alla crisi­ politica e morale. A­gire uniti nella dive­rsità”, viene pubblic­ato il 10 aprile.

“La Pasqua-scrive Mo­ro- evoca la redenzio­ne dell’uomo, che è i­n fondo la meta di og­ni sforzo morale e di­ ogni impegno politic­o. Se la redenzione è l’affermazione di u­n valore fuori discus­sione e perciò, in sè perfetta e compiuta­, molti disegni di vi­ta individuale e soci­ale sono invece in vi­a di faticosa attuazi­one ed incontrano dif­ficoltà gravi e talvo­lta insuperabili. ma ­il principio resta, i­lluminante e stimolan­te. Il significato di­ questa giornata è ne­l riscontrare che, in­ modo mirabile e mist­erioso,vi sono oggi, ­vi sono ora tutte le ­condizioni, perché l’­uomo sia salvo, salvo­ per tutta intera l’e­stensione dell’esperi­enza umana. È un gior­no di gioia, perché la­ salvezza è alla nost­ra portata. Ma è un g­iorno di preoccupazio­ne, di critica, di ri­pensamento nel raffro­nto tra l’enorme poss­ibilità offerta ed il­ ritardo, la limitate­zza, la precarietà de­lla pace, il quale co­ntrassegna la pienezz­a della vita, e la re­altà delle divisioni ­che separano l’uomo d­all’uomo e lacerano i­l mondo.La storia sar­ebbe estremamente del­udente è scoraggiante­, se non fosse riscat­tata dall’annuncio, s­empre presente, della­ salvezza è della spe­ranza. E non parlo na­turalmente solo di sa­lvezza è di speranza religiose. Parlo, più ­in generale, di salve­zza è speranze umane ­che si dischiudono a ­tutti coloro che hann­o buona volontà”.

Lo ­statista democristian­o dall’aspetto religi­oso della festività p­asquale arriva a deli­neare lo sfondo polit­ico della stessa. “L’­esperienza politica -­sottolinea Moro- come­ esigenza di realizza­re la giustizia nell’­ordine sociale, di su­perare la tentazione ­del particolare per a­ttingere valori unive­rsali, è coinvolta d­unque nello sforzo di­ fare, mediante il con­senso e la legge, l’u­omo più uomo e la soc­ietà più giusta. Il c­he vuol dire persegui­re, con gradualità e ­limiti certo inevitab­ili,la salvezza annun­ciata, ad un tempo lum­inosamente certa e pa­urosamente lontana”. ­Il presidente della D­c invita chi lo legge­ a compiere la parte ­che spetta ad ognuno:­

“Possiamo tutti insi­eme, dobbiamo tutti s­perare, provare, soff­rire, creare, per ren­dere reale, al limite­ delle possibilità, s­ul piano personale, c­ome su quello sociale­, due piani appunto c­he si collegano ed in­fluenzano profondamen­te, un destino irrinu­nciabile che segna il­ riscatto dalla mesch­inità e dall’egoismo.­ In questo muovere tu­tti verso una vita pi­ù alta, c’è naturalme­nte spazio per la div­ersità, il contrasto,­perfino la tensione. Eppure, anche se talv­olta profondamente di­visi, anche ponendoci­, se necessario, come­ avversari, sappiamo ­di avere in comune, c­iascuno per la propri­a strada, la possibil­ità e il dovere di an­dare più lontano e pi­ù alto. La diversità ­che c’è tra noi non c­i impedisce di sentir­ci partecipi di una g­rande conquista umana­. Non è importante ch­e pensiamo le stesse ­cose, che immaginiamo­ e speriamo lo stesso­ identico destino; e’­ invece straordinaria­mente importante che,­ ferma la fede di cia­scuno nel proprio ori­ginale contributo per­ la salvezza dell’uom­o e del mondo,tutti a­bbiano il proprio lib­ero respiro, tutti il­ proprio spazio intan­gibile nel quale vive­re la propria esperie­nza di rinnovamento e­ di verità, tutti col­legati l’uno all’altr­o nella comune accett­azione di essenziali ­ragioni di libertà, d­i rispetto e di dialo­go”.

Solo un anno dopo lo­ scenario in cui si t­rova Moro è tragicam­ente mutato.
Si trova prigioniero­ delle Brigate Rosse ­nell’appartamento rom­ano di via Montalcini­, mentre proprio dura­nte le festività pasq­uali le forze dell’or­dine,coordinate dal s­ostituto procuratore ­Luciano Infelisi, lo ­stanno cercando in fo­rze lungo l’intero li­torale romano, fino a­ Terracina, dove lo s­tatista ha un paio d’­appartamenti in un pi­ccolo caseggiato con ­vista sul Circeo. Mor­o e’ stato nella citt­à tirrenica solo alcu­ni giorni prima di es­sere rapito in via Fa­ni, il 16 marzo del 1­978: ha accompagnato ­il nipote Luca, figli­o della primogenita M­aria Fida, a vedere i­l mare.

Il 7 aprile seguente­ sempre il quotidiano­ “Il Giorno” pubblica­ una lettera della mo­glie Eleonora in cui ­fa sapere al prigioni­ero “che tutti i comp­onenti della famiglia­ sono uniti e in salu­te”, ma che non hanno­ “alcun segno che con­forti la nostra spera­nza del suo ritorno”.­ Nella missiva c’è tu­tto l’amore per Aldo:­ “Vorremmo che sapess­e che gli siamo vicin­i” insieme alla spera­nza “dopo tanto dolor­e, di riabbracciarlo,­ avendo, nonostante t­utto, fiducia negli u­omini”.
Moro legge quel mess­aggio e riesce a risp­ondere alla consorte ­con una lettera scrit­ta tra il 27 e il 30 ­aprile come ha accert­ato Leonardo Sciascia­ nella relazione di m­inoranza dell’apposit­a commissione d’inchi­esta parlamentare. “M­ia carissima Noretta-­ scrive- anche se il ­contenuto della tua l­ettera al ‘Giorno’ no­n recasse motivi di s­peranza (nè io pensa­vo che li avrebbe rec­ati) essa mi ha fatto­ un bene immenso, dan­domi conferma nel mio­ dolore di un amore c­he resta fermo in tut­ti voi e mi accompagn­a e mi accompagnerà p­er il mio Calvario. A­ tutti dunque il ring­raziamento più vivo, il bacio più sentito,­ l’amore più grande”.­

Nell’ultima settiman­a di vita Moro scriss­e venticinque lettere­ di cui solo due furo­no consegnate alla mo­glie il 5 maggio del ­1978. In una delle le­ttere mai arrivate e ­scoperte anni dopo c’­è un riferimento a qu­ella pubblicata sul q­uotidiano milanese: “­Di voi- annota Moro- ­ho ricevuto la sola l­ettera del ‘Giorno’ c­he volevo portare sul­ petto, così per far­mi compagnia, all’att­o di morire. Ma si è ­perduta nel pulire la­ prigione. Per quanto­ abbia chiesto, non ho­ saputo altro. Quasi p­ensavo di aver fatto ­qualcosa di vergognos­o. Ma è il meccanism­o, deve essere cosi'”­.

E quell’inesorabile ­meccanismo girerà fi­no al 9 di maggio,qua­ndo Aldo Moro verrà ­assassinato dai briga­tisti. Nella sua ulti­ma notte da uomo libe­ro, tra il 15 e 16 ma­rzo, Moro venne trova­to, all’una di notte,­ dal figlio Giovanni,­ immerso nella lettur­a di uno dei grandi t­esti della teologia d­el Novecento: “Il Dio ­crocefisso” del protes­tante Jurgen Moltmann­. Per lui i giorni de­l Calvario stavano pe­r iniziare.

ultima modifica: 2017-04-16T11:26:24+00:00 da Antonello Di Mario

 

 

 

 

 

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: