Irma e non solo, vi spiego come nascono gli uragani. Parla Carniel (Cnr)

Irma e non solo, vi spiego come nascono gli uragani. Parla Carniel (Cnr)

Miami fa i conti con il passaggio dell’uragano più potente di sempre, Irma. Ma sarà davvero così? “Non sappiamo bene che cosa abbiamo davanti, però di sicuro è un uragano che non vedavamo da anni”, ha commentato Sandro Carniel, oceanografo, primo ricercatore dell’Istituto di Scienze Marine del Cnr a Venezia e autore del libro “Oceani. Il futuro scritto nell’acqua” ai microfoni di Ruggero Po.

Ma come nascono gli uragani? Spiega Carniel: “Un uragano si nutre del calore che trova nella superficie dell’oceano e rinforza i propri effetti distruttivi in funzione dell’umidità che riesce a recuperare da esso. Quando uno di questi complessi sistemi attraversa aree d’acqua particolarmente calde aumenta la capacità di estrazione del calore ed aumenta di molto l’umidità che porta dietro”.

L’uomo può governare queste bombe metereologiche? “Se intendiamo riuscire ad attrezzzare le sottostrutture, la stabilità delle case, lo scarico dell’acqua nelle grandi città, forse sì, ma è un lavoro che ci terrà occupati per parecchie decine di anni”.

Ascolta Il senno di Po di oggi

 

 

ECCO LE ULTIME PUNTATE DEL SENNO DI PO:

MALARIA, TUTTE LE IPOTESI SUL CASO DELLA BAMBINA MORTA. PARLA GUERRA (MINISTERO DELLA SALUTE)

O da nave o da aereo. È così che potrebbe essere arrivata in Italia la zanzara che probabilmente ha punto mortalmente la bambina morta a Trento di malaria secondo il direttore generale prevenzione sanitaria del ministero della salute Ranieri Guerra intervistato da Ruggero Po nella sua audio-rubrica per Formiche.net.

MIGRANTI E NON SOLO, COME SI PROPAGA L’ESTREMISMO SUI SOCIAL

Il “Senno di Po”, l’audio-rubrica di Ruggero Po per Formiche.net, oggi è dedicato ai social network e alle sempre più frequenti parole di estremismo e razzismo che vi compaiono quando si parla di migranti. A tal proposito ecco l’opinione espressa dall’analista strategico Nicola Pedde. Per il quale l’allarmismo che si respira tra i cittadini sull’argomento – poi sfogato su Facebook o Twitter – ha, tra le altre, una causa precisa: “L’intero spettro politico italiano non ha idea di cosa sia l’interesse nazionale e di cosa sia la politica estera e di sicurezza nel lungo e medio periodo. Se uno va a vedere i programmi di tutti i principali partiti, non c’è traccia di dove debba essere l’Italia da qui a 10 anni. Nulla. Noi non abbiamo programmazione e ciò alimenta la paura“.

COSA CI DICONO I MARI SUL RISCALDAMENTO GLOBALE

“Il clima del pianeta si riscalda, tutti d’accordo, ci mancherebbe, ma per colpa di chi?”. Questa ed altre domande sono state poste da Ruggero Po all’oceanografo e primo ricercatore presso l’Istituto di Scienze Marine (Venezia) del Cnr Sandro Carniel. Cosa ci dicono gli oceani? “Il mare innanzitutto ci dice che fa fatica a rimanere dietro al cambiamento che ormai è acclarato dal punto di vista di riscaldamento del pianeta”, ha spiegato l’autore di “Oceani – Il futuro scritto nell’acqua”.

ultima modifica: 2017-09-07T13:12:24+00:00 da Ruggero Po

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: