Chi è l’ammiraglio Rinaldo Veri, il candidato con i 5 Stelle che si è già ritirato

Chi è l’ammiraglio Rinaldo Veri, il candidato con i 5 Stelle che si è già ritirato
L'ammiraglio Rinaldo Veri è tra i candidati del Movimento 5 Stelle presentati da Luigi Di Maio nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta a Roma

Il primo a essere presentato, il primo a parlare, il primo a ritirarsi. L’ammiraglio Rinaldo Veri  (già consigliere comunale ad Ortona e per questo poi risultato non candidabile), apparso tra i candidati del Movimento 5 Stelle presentati da Luigi Di Maio nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta a Roma, è stato presto sostituito dalla deputata uscente Carla Ruocco.

“Non sono un politico, ma mi sento un uomo delle istituzioni – ha detto Veri presentandosi -. Mi candido perché credo nel mio Paese e nella possibilità di costruire un futuro migliore per i nostri figli”.

Nato a Bombay nel 1952 ha frequentato l’Accademia navale di Livorno di cui successivamente è divenut comandante dei corsi, ed è stato prima guardiamarina e poi tenente di vascello. È stato al comando della Task Force 150 impegnata in operazioni di antiterrorismo nel corno d’Africa nell’ambito delle Operazioni resolute behaviour/enduring freedom.

Nell’arco della carriera, inoltre, si è occupato di affari marittimi e cooperazione internazionale in particolare nel settore della sicurezza e difesa, diventandone un esperto. Nel corso della carica ricoperta di presidente del Casd il suo orizzonte internazionale si è esteso al mondo accademico, universitario e della cultura e formazione.

Insignito di diverse onorificenze tra cui quella come ufficiale dell’ordine militare d’italia e ufficiale dell’ordine al merito della repubblica italiana, nel 2013 è diventato presidente del Centro alti studi per la difesa fino a giugno 2015, congedandosi dalle forze armate.

Nel febbraio 2017 ha ufficializzato la propria candidatura alla carica di sindaco di Ortona, prendendo 2405 voti e ottenendo un solo seggio.

ultima modifica: 2018-01-29T14:13:09+00:00 da Isabella Nardone

 

 

 

 

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: