Tim-Open Fiber, i messaggi in codice di Bassanini ai 20 anni dell’Agcom

Tim-Open Fiber, i messaggi in codice di Bassanini ai 20 anni dell’Agcom
Il presidente di Open Fiber interviene all'indomani dell'accordo Tim-governo sulla rete

Tim faccia il suo lavoro, Open Fiber farà il suo. E poi si vedrà che cosa fare sulla rete. Nel suo consueto stile, approfittando di un momento di relativa calma nell’affollatissima sala della Regina della Camera, teatro del convegno dedicato ai 20 anni dell’Agcom, il presidente di Open Fiber, Franco Bassanini (nella foto), interviene per la prima volta all’indomani del primo, verbale, accordo tra l’ex Telecom e governo sullo scorporo della rete.

E lo fa lanciando un duplice messaggio, in puro stile Bassanini. Punto primo, l’intenzione di creare una società ad hoc per la rete in rame di Tim è cosa buona e forse anche giusta. Secondo, parlare di una collaborazione tra Tim e Open Fiber è prematuro, ma mai dire mai. Tradotto, porta socchiusa per Tim sulla rete.

Dunque, se lo scorporo della rete “è  stato considerato da molti un passo avanti” e “io condivido questo  giudizio”, va detto che quello che fa il nostro principale competitor ci riguarda fino a un certo punto”. Tuttavia,  “tutte le sinergie e  collaborazioni che dotino il Paese di infrastrutture più  performanti sono utili, da questo dipenderà la futura
crescita del Paese”.

Questa mattina però Formiche.net ha dato conto degli innumerevoli ostacoli che rendono assai impervia la strada per una fusione sulla rete. A cominciare dal fattore tempo, ma anche da quello delle infrastrutture, così diverse. Ancora.

ultima modifica: 2018-02-08T20:30:56+00:00 da Gianluca Zapponini

 

 

 

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: