Street Alps, l’arte dei graffiti urbani arriva ad alta quota

Street Alps, l’arte dei graffiti urbani arriva ad alta quota
Il 18 febbraio si svolgerà Street Alps, il primo festival con al centro “l’arte urbana” dei graffiti ai piedi delle Alpi

I murales che decorano il panorama urbano, si sa, hanno spesso l’amore come tema. E cosa c’è di meglio che inaugurare il primo museo a cielo aperto in cui i murales diventano vere e proprie dichiarazioni d’amore degli artisti ai comuni piemontesi che li hanno ospitati durante la settimana di San Valentino? Sì perché il 18 febbraio si svolgerà Street Alps, primo festival con al centro “l’arte urbana” dei graffiti in ambiente pedemontano, ovvero ai piedi delle Alpi, tra Piossasco, Torre Pellice e Pinerolo.

Il Festival tutto italiano ha avuto il merito di portare nelle zone montuose un’arte che è nata tra gli edifici tipici delle metropoli, in architetture industriali. Da un’idea dell’artista Riccardo “Ten” Colombo, lo Street Alps nasce nel 2014 come percorso visivo-narrativo, che in questi quattro anni ha sviluppato uno storytelling in un contesto che spesso da questo punto di vista artistico è trascurato.

Con l’intento quindi di rendere tali zone più attraenti per i turisti, riqualificando il territorio, ecco che le oltre 30 opere realizzate in questi anni vogliono testimoniare come piccoli comuni pedemontani possano seguire la scia di ciò che accade già a Berlino, Londra e New York, con percorsi artistico-culturali che danno vita a tour per consentire ai visitatori di scoprire l’arte dei graffiti come strumento di riqualificazione urbana.

Domenica 18 febbraio quindi il primo itinerario verrà inaugurato, per poi riprendere da Aprile a Ottobre con scadenza mensile. L’Associazione Pigmenti organizza il Festival in collaborazione con il comune di Pinerolo che ha messo a punto un sito per valorizzare i musei del pinerolese.

Le precedenti edizioni hanno visto tra gli street artist di Miami, Axel Void, che ha regalato alla città di Pinerolo un grande murale dedicato ai partigiani Laura e Fiorenzo Blanc che hanno combattuto contro i nazifascisti; i torinesi Vesod Brero e Pixelpancho; il collettivo statunitense 2Alas; l’artista romano Gio Pistono, gli street artists argentini Francisco “Fran” Bosoletti, Milu Correch e Christian Riffel, la portoricana Annarietta.

 Guarda alcuni dei graffiti esposti al Street Alps

 

 

ultima modifica: 2018-02-11T14:00:04+00:00 da Francesca Scaringella

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: