L’importanza per i nostri giovani di avere un governo con pieni poteri

L’importanza per i nostri giovani di avere un governo con pieni poteri

Il 15 maggio a Bruxelles siamo stati invitati a un importante simposio organizzato dal Parlamento e dalla Commissione. È indispensabile sapere chi rappresenta l’Italia e quale contributo porterà per la risoluzione dell’emergenza occupazione giovanile.

Secondo i recenti dati Eurostat, 3,722 milioni di giovani (meno di 25) erano disoccupati nel 2017 nell’UE28, con una diminuzione di 380mila rispetto a ottobre 2016. I più bassi tassi di disoccupazione giovanile sono stati osservati in Germania (6,6%) e Repubblica ceca ( 7,2%), mentre i più alti sono stati registrati in Grecia (40,2% ad agosto 2017), Spagna (38,2%) e Italia (34,7%). Sebbene queste cifre dimostrino progressi, la disoccupazione giovanile rimane ancora elevata in tutta l’Ue.

Nell’ambito dell’iniziativa per l’occupazione giovanile, introdotta nel 2013 dalla Commissione europea, l’Ue mirava a sostenere quelle regioni e Paesi con un tasso di disoccupazione giovanile superiore al 25%. Nel giugno 2017, il Consiglio e il Parlamento hanno convenuto di aumentare il bilancio per il periodo 2017-2020 di €2,4 miliardi. Gli Stati membri hanno inoltre continuato ad attuare il piano di garanzia per i giovani per garantire che tutte le persone sotto i 25 anni ricevano un’offerta di buona qualità entro quattro mesi dall’uscita dall’istruzione o dalla disoccupazione. Sono stati inoltre adottati percorsi alternativi all’apprendimento e allo sviluppo, come il Corpo europeo della solidarietà, per garantire che sia soddisfatta la necessità di sviluppare insiemi di competenze pratiche.

Nonostante questi tentativi di mitigare il problema dell’occupazione giovanile, i giovani che iniziano la loro carriera continuano ad affrontare problemi strutturali rilevanti. La lunga pratica di offrire tirocini non retribuiti, servizi di protezione poveri per i giovani lavoratori, così come l’incoerenza tra il mercato del lavoro e le abilità coltivate durante il processo di apprendimento, continuano ad esistere. Un migliore scambio di informazioni tra le istituzioni didattiche, i datori di lavoro e i servizi per l’impiego sono necessari per sfruttare meglio il potenziale che ogni giovane possiede.

Questo simposio internazionale offre un’opportunità tempestiva e inestimabile per affrontare le sfide alla base delle tendenze della disoccupazione nell’Ue e analizzare i modi in cui datori di lavoro, reclutatori, istituti di istruzione e servizi per l’impiego possono sostenere i giovani a raggiungere il loro pieno potenziale. Inoltre, i delegati avranno la possibilità di esplorare strategie innovative per fornire ai giovani le competenze necessarie per prosperare nell’attuale mercato del lavoro. Discuteremo come:

• Impegnarsi con gli ultimi sviluppi politici volti a contrastare la disoccupazione giovanile a livello europeo;

• Sviluppare soluzioni valide per aumentare l’occupazione giovanile e creare posti di lavoro di qualità con il sostegno dei servizi per l’impiego e delle organizzazioni dei datori di lavoro;

• Strategia per ridurre al minimo le discrepanze nelle competenze nell’attuale mercato del lavoro;

• Comprendere l’importanza della formazione professionale;

• Valutare il potenziale dell’imprenditorialità nell’affrontare la disoccupazione giovanile;

• Partecipare a discussioni interattive e costruttive con le principali parti;

interessate nel campo dell’occupazione giovanile;

• Discutere dei modi per rendere più agevole la transizione dall’ambiente educativo a quello lavorativo e colmare le lacune tra fornitori di servizi educativi e datori di lavoro;

• Condividere le migliori pratiche nelle iniziative a sostegno delle opportunità di impiego dei giovani.

ultima modifica: 2018-04-17T15:30:56+00:00 da Alessandra Servidori

 

 

 

 

 

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: