Ecco chi aiuterà Cina ed Europa ad essere ancora più vicine

Ecco chi aiuterà Cina ed Europa ad essere ancora più vicine
Tutti i partner strategici scelti per l'anno del turismo tra Vecchio continente e Dragone

La Cina non è poi così lontana per l’Europa. Mentre gli Stati Uniti dell’era Donald Trump giocano alla guerra con la Cina a suon di dazi (qui lo speciale di Formiche.net con un’intervista a Salvatore Zecchini, dell’Ocse), il Vecchio continente fa un passo verso il Dragone. Lo scorso gennaio il presidente della commissione europea, Jean-Claude Juncker e il premier cinese Li Keqiang hanno inaugurato a Venezia l’anno del turismo Ue-Cina, con l’obiettivo di aumentare sensibilmente in flussi in entrata di cittadini europei in Cina e viceversa.

Un’opportunità unica per incrementare il numero di visitatori, promuovere il turismo sostenibile e favorire soprattutto gli investimenti e gli accordi di partnerariato tra Unione e Cina. Le aspettative sono alte, complici i numeri sul progressivo interesse cinese per il Vecchio continente: oltre 8 milioni di arrivi e 20 milioni di pernottamenti (con una crescita del 12% tra il 2014-16) e 8 miliardi di spesa nel 2016 solo in Europa e 122 milioni di cinesi in viaggio per il mondo.

Ma come agevolare al massimo questo enorme interscambio di uomini e risorse? Proprio oggi la European Travel Commission ha annunciato a Shanghai i partner strategici che aiuteranno l’Europa e l’Italia ad aumentare i flussi turistici dalla Cina. Chi sono? In ordine sparso, Union Pay International che costituisce il principale circuito di pagamento in Cina, l’unico emittente di carte di credito e leader nel settore bancario cinese. A seguire Ctrip  il maggior provider di servizi di viaggio per il mercato cinese. La sua app è stata scaricata più di 2,3 miliardi volte. La partnership permetterà di promuovere le destinazioni europee con azioni di marketing online, e darà ampia visibilità ai prodotti e ai servizi turistici europei.

Un ruolo di primo piano lo giocherà anche Tencent, protagonista indiscusso dell’online digital market in Cina con 900 milioni di users. L’accordo in esclusiva offrirà la possibilità agli operatori di essere presenti sulle piattaforme social più influenti, creando le condizioni per raggiungere un posizionamento strategico nel mercato outbound cinese. Con esso Tunium una delle Online Travel Agency più importanti in Cina, che ha fornito prestazioni per oltre 15 milioni di pacchetti viaggio e garantisce una vasta selezione di servizi turistici fruibili attraverso la piattaforma e Fliggy altra agenzia cinese che mira a offrire i migliori servizi di viaggio, per soddisfare al meglio le esigenze dei millennial che vogliono pianificare la propria vacanza in Europa.

Infine Qyer, piattaforma specializzata in viaggi che gestisce una community per lo scambio di opinioni sulle esperienze di viaggio, forte dei suoi 80 milioni di users e Select Holding  distributore nel mondo della certificazione Welcome Chinese, l’unica a essere ufficialmente riconosciuta dal governo cinese, e sinonimo di garanzia di una accoglienza specializzata nelle esigenze dei turisti cinesi.

ultima modifica: 2018-05-16T18:44:06+00:00 da Gianluca Zapponini

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: