Il Congresso Usa vuole vederci chiaro sui rapporti tra Google e Huawei

Il Congresso Usa vuole vederci chiaro sui rapporti tra Google e Huawei
Dopo il caso Facebook - svela il Wall Street Journal -, i parlamentari americani temono un'altra cessione di dati al colosso cinese tenuto sott'occhio dall'intelligence di Washington

Huawei continua a preoccupare le autorità americane. Dopo la venuta a galla di un’intesa che avrebbe assicurato al colosso cinese e ad altri costruttori di dispositivi i dati di alcuni utenti Facebook attraverso l’app del social network (circostanza smentita dall’azienda asiatica con una nota), è di oggi la notizia che il Congresso statunitense avrebbe cominciato a esaminare i rapporti tra la multinazionale di Shenzhen e un altro gigante del web, Google.

LE TENSIONI IN CORSO

Se quanto svelato dal Wall Street Journal dovesse essere vero, si tratterebbe di un nuovo capitolo delle tensioni tra Washington e Pechino nel settore tech, che ha già portato la piattaforma di Menlo Park a rinunciare all’accordo emerso ieri, nonché a una serie di altri strappi. I servizi segreti americani hanno più volte lanciato allarmi sui pericoli, per Washington e i suoi alleati, posti da hardware e software made in China, attraverso i quali la Repubblica Popolare potrebbe entrare in possesso di preziose informazioni sensibili. E anche i legislatori sembrano preoccupati della situazione.

L’INTESA CON GOOGLE

Google, che fa parte di Alphabet, ha siglato un accordo che permette, tra le altre cose, ai telefoni prodotti da Huawei – il terzo marchio di smartphone al mondo – di usare il servizio Android Messages per inviare messaggi e foto. L’intesa ha spaventato alcuni parlamentari, che vogliono saperne di più, temendo che possa esserci una condivisione dei dati.

I PRECEDENTI

Il Congresso da tempo sta combattendo una battaglia sia contro Huawei sia contro Zte, due colossi tech cinesi (l’amministrazione Trump ha appena salvato – nell’ottica di un deal più ampio – quest’ultima, che era stata colpita dalle sanzioni statunitensi. Il pressing politico ha invece convinto AT&T ad abbandonare l’intesa con Huawei, in base alla quale avrebbe dovuto vendere i dispositivi cinesi.

ultima modifica: 2018-06-07T18:16:29+00:00 da Michele Pierri

 

 

 

 

 

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: