Microcredito, plurale femminile

Essere imprenditori già è difficile in questo paese, ma se sei donna lo è ancora di più. È da questa constatazione che nasce il progetto “Riparti da te”. Lanciato a fine settembre dal Ministero del Lavoro, in collaborazione con l’Ente nazionale microcredito, prevede agevolazioni e prestiti per le donne che vogliono mettersi in proprio.

L’Arancia ne parla con Marco Paoluzi, il funzionario dell’Ente nazionale microcredito (Enm) che segue il progetto.

“La campagna ‘Riparti da te’ nasce da un’esigenza precisa” spiega Paoluzi. “Quella di incentivare l’impresa femminile che, come è stato appurato, subisce una vera e propria discriminazione quando si tratta di ricevere finanziamenti bancari. C’è infatti una vera esclusione, o meglio una discriminazione finanziaria, che riguarda le donne; alle quali vengono spesso erogate somme minori o al contrario richieste garanzie maggiori,” dice Paoluzi.

Da questa constatazione nasce il progetto Riparti da te; che prevede finanziamenti da 10 fino a 25 mila euro.

continua a leggere su L’Arancia.

ultima modifica: 2013-11-28T15:42:51+00:00 da L'Arancia