Brexit, cosa cambia per i cittadini europei nel Regno Unito?

Brexit, cosa cambia per i cittadini europei nel Regno Unito?
La testimonianza di Giulia Dessì, project manager e giornalista freelance, che da 5 anni vive in Gran Bretagna

“Non mi aspettavo la vittoria del no, il risveglio di stamattina è stato una pessima sorpresa”. Giulia lavora a Londra, “proverò a chiedere la cittadinanza a settembre”, ma non si sa se e cosa cambierà nei prossimi mesi. Il divorzio tra Regno Unito e Unione Europea porterà alla ridefinizione di trattati e leggi che riguarderanno non solo il governi ma anche i cittadini.

Giulia Dessì, 30 anni, nata a Oristano (Sardegna), vive in Gran Bretagna da quasi 5 anni. Non sa ancora cosa cambierà nella sua vita dopo la vittoria della Brexit, però i suoi piani per il futuro non cambieranno. “Nei prossimi mesi scadrà il mio contratto di lavoro e tornerò un po’ in Sardegna – racconta – Poi partirò per il Cile e la mia intenzione, dopo, è tornare in Inghilterra per cercare nuovamente lavoro. Non so cosa cambierà per cittadinanza e visto, è ancora tutto molto incerto, ma i miei programmi non cambiano”.

Arrivata in Galles nel 2011 per studiare International Journalism alla Cardiff University, Giulia vive ora a Brighton, ma lavora a Londra. Per il Media Diversity Institute, organizzazione che si occupa di incoraggiare e facilitare la copertura delle diversità nei media, lavora come project manager, mentre come freelance ha curato il rapporto europeo del Network Europeo Contro il Razzismo (ENAR) “Donne Dimenticate: l’impatto dell’Islamofobia sulle Donne Musulmane” nella parte riguardante l’Italia e si interessa inoltre di giornalismo.

“Dopo essere arrivata in Galles e aver terminato gli studi sono tornata in Sardegna per un breve periodo, ma poi mi è stato offerta una collaborazione con l’Università di Cardiff e da allora non sono più tornata in Italia se non per qualche vacanza. Ho conosciuto amici e fidanzato, la mia vita si è spostata qui, e la sensazione più spiacevole è l’incertezza su cosa sarà di me, di noi cittadini europei nel Regno Unito, se dovessimo scegliere di spostarci e poi tornare”. Prima del master in giornalismo, Giulia ha fatto l’Erasmus in Norvegia: “È stato durante l’Erasmus che ho capito non solo che viaggiare era possibile, ma anche che continuare a farlo sarebbe stato quello che volevo”. Generazione Erasmus, dunque, che non ha conosciuto i confini nazionali degli Stati europei come muri, ma come soglie sempre aperte da attraversare.

“L’Inghiterra è euroscettica da sempre – spiega Giulia – ma il dibattito sull’uscita dall’Ue è stato tossico e velenoso: i sostenitori del no (Ukip in prima linea) si sono accaniti contro i migranti europei come me che ‘rubano il lavoro agli inglesi’, come avviene in Italia con i migranti extraeuropei. Gli euroscettici di sinistra, quelli contro l’austerity e lo strapotere della BCE, sono passati quasi subito in secondo piano e per questo il dibattito è degenerato”, fino ad arrivare all’omicidio della deputata laburista e europeista Jo Cox per mano di un estremista di destra con simpatie neonaziste.

Per ora, come ha sottolineato David Cameron nella sua conferenza stampa, non cambierà niente per i cittadini Ue nel Regno Unito, ma tutto dipenderà dalle contrattazioni dei prossimi mesi tra Gran Bretagna e Europa. Intano, per Giulia e per tanti altri, resta la sensazione di essere diventati, d’improvviso, stranieri in casa propria, in attesa di sapere cosa cambierà davvero.

ultima modifica: 2016-06-25T07:24:40+00:00 da Simona Sotgiu

Chi ha letto questo articolo ha letto anche:

Click on a tab to select how you'd like to leave your comment

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>