Chi era Mohamed Lahouaiej, il terrorista autore della strage di Nizza

Chi era Mohamed Lahouaiej, il terrorista autore della strage di Nizza
L'articolo di Rossana Miranda

La polizia francese ha già identificato l’uomo che a Nizza, a bordo di un camion tir, ha provocato l’ultima strage in territorio francese: si chiamava Mohamed Lahouaiej. Secondo l’emittente Francia Info, il documento d’identità del terrorista è stato trovato sulla vettura e coincide con le impronte digitali.

L’IDENTITÀ DEL TERRORISTA

Nato nel 1985, Lahouaiej è cittadino francese di origine tunisina. Viveva nel quartiere Abattoirs di Nizza. Non era schedato dai servizi segreti francesi, ma noto alle autorità per piccoli reati e risse. L’uomo è stato “neutralizzato” da una squadra composta da due poliziotti, tra cui una donna, e un civile. Il camion era stato affittato e all’interno sono stati trovati armi e una granata falsa. Soltanto una pistola di piccolo calibro era vera. Non è stato confermato se ha agito da solo. Sono in corso i controlli nella sua abitazione. Per il presidente francese, François Hollande, non è da scartare l’ipotesi di “carattere terrorista” dell’attacco. Stamattina è stato convocato un consiglio di sicurezza e di difesa con il gabinetto e autorità responsabili.

L’APPELLO DI ISIS

Al momento, lo Stato Islamico non ha ancora rivendicato l’attacco di Nizza. Ma tutto sembra indicare, finora, che l’attentatore di Nizza è un “foreign fighters”; un lupo solitario che ha accolto l’ultimo appello dello Stato Islamico (Isis) per utilizzare qualsiasi mezzo a disposizione e compiere attacchi contro civili in Occidente. In un video diffuso sui social network il 22 maggio, Abu Mohamed al Adnani, portavoce del Califfato ha detto di “urtare con automobili” le persone raggruppate in folla: “Anche le azioni più piccole possono colpire il cuore di quella terra e sono apprezzati come gli attacchi più grandi (…) Non bisogna preservare il sangue di nessuno, non esistono innocenti. Colpire civili è più utile. Pietre, coltelli, macchine contro la folla, veleni, qualsiasi metodo è benvenuto”.

GLI INDIZI SU TELEGRAM

L’account Twitter di un fedele di Isis ha collegato l’attacco a Nizza con la morte del leader jihadista di Isis, Abu Omar al Shishani. Secondo Veryan Khan, direttore di Terrorism Research & Analysis Consortium (Trac), in alcuni account di Telegram legati a Isis c’erano riferimenti a Nizza poco prima della strage.

ultima modifica: 2016-07-15T11:59:52+00:00 da Rossana Miranda

 

 

 

 

Chi ha letto questo articolo ha letto anche:

Click on a tab to select how you'd like to leave your comment

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>