Precari i precari, precari i consumi

Precari i precari, precari i consumi

Sta sulla bocca di tutti: “la norma antiprecari abolisce l’obbligo di reintegro al lavoro per quei poveri disgraziati”.

Scandalo, ingiustizia sociale o miopia economica?

Siamo alle solite, si tenta di fare le nozze con i fichi secchi.

Precari, senza soldi, a corto di risparmi e credito inattingibile: tutto diviene temporaneo, incerto, provvisorio.

E se senza soldi non si canta messa, figuriamoci come si possa fare la spesa.

Precari i precari, insomma, precario il consumo!

Si precarizza così il Valore delle merci invendute: il latte caglia, la moda passa di moda, le tecnologie informatiche vengono superate dalle tecnologie informatiche del giorno dopo.

Con il Tizio, più Tizi, una moltitudine di Tizi precari, messi ai margini del mercato, in attesa de passà ‘a nuttata, è il minimo che possa capitare.

Ci sono pure i Caio e i Sempronio: manager, operai, colletti bianchi, tutti impiegati nella produzione, a produrre il prodotto da acquistare sul mercato e che da quell’acquisto ricavano un Reddito.

Con questo andazzo: precari in itinere.

Li vedete i commercianti, i pubblicitari, quelli del  marketing imprecariarsi anch’essi?

Eggià, si sta tutti sulla stessa barca, nel mare periglioso della precarietà ma…

Ma oltre lo sconforto e l’uggia, si intravede nel Consumo una pratica produttiva e nel Consumatore, ancorché precario, un imprescindibile Operatore di Mercato.

Bene, in forza di questa indifferibile ragione economica, si rende possibile reclamare Utili dal proprio lavoro di consumazione.

Utili si, magari precari, ma utili per uscire tutti, ma proprio tutti, con fiero cipiglio a rimirar le stelle.

Le notizie volano, debbono essere arrivate a quelli di JPMorgan. Essipperchè hanno annunciato che, nel corso dei prossimi tre anni, aumenteranno i salari minimi per 18.000 dipendenti americani da 10, 5 dollari fino a un massimo di 16,50 dollari.

“È la cosa giusta da fare”, afferma l’amministratore delegato, Jamie Dimon,unendosi così al movimento “Fight for 15″, combattiamo per 15 dollari l’ora. La banca americana conta 185 mila dipendenti negli Stati Uniti.

La paura, di dover pagare il prezzo più alto del lavoro di consumazione, fa 90?

C’è invece chi continua a sognare tanto per farlo. Quelli dell’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori- fanno i conti: “ipotizzando un tasso di disoccupazione al 6% (tasso ante-crisi, seppure ancora elevato), rispetto ad oggi la capacità di acquisto delle famiglie aumenterebbe di circa +40 miliardi di Euro l’anno. Questo consentirebbe di rimettere in moto l’economia e di dare nuovo ossigeno alle famiglie, nuove opportunità, nuove prospettive.

Beh, pure mio nonno se non fosse morto sarebbe ancora vivo!

https://www.facebook.com/133670339996087/photos/a.1032884836741295.1073741825.133670339996087/1032884756741303/?type=1

http://audio.radio24.ilsole24ore.com/radio24_audio/2015/150506-versioneoscar.mp3

ultima modifica: 2016-07-22T09:53:15+00:00 da Mauro Artibani
Click on a tab to select how you'd like to leave your comment

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>