Ecco dove ha colpito Isis nel 2016

Dopo un 2015 iniziato con la strage di Charlie Hebdo, e conclusosi con gli attacchi multipli che hanno insanguinato la città di Parigi, anche il 2016 è stato un anno all’insegna del terrore. Responsabile principale è stato per lo più l’Isis, l’autoproclamato Stato islamico attivo in Siria e in Iraq.

Sebbene lo Stato islamico guidato dal Califfo Abu Bakr Al-Baghadi abbia perso alcuni territori nel corso degli ultimi mesi, le azioni terroristiche, spesso compiute da lupi solitari, si sono intensificate notevolmente, arrivando a colpire anche il cuore dell’Europa, ma non solo. Lo scorso novembre, l’allora sottosegretario con delega all’Intelligence, Marco Minniti, in audizione alla commissione Affari costituzionali della Camera, aveva messo in guardia circa il possibile aumento di attentati. Lo Stato islamico “sta perdendo significativamente terreno sul piano militare in Iraq e Siria” e ci sono “prevedibili ragioni” che ciò possa comportare un “ulteriore rafforzamento dell’attività terroristica”.

Anche il direttore dell’Fbi, James Comey, aveva previsto una “diaspora terrorista” dopo la sconfitta del gruppo islamista in Iraq e in Siria. “Sappiamo tutti che ci sarà una diaspora terrorista quando le forze militari avranno distrutto il califfato proclamato dall’Isis in Iraq e Siria”, ha detto Comey intervenendo al Congresso Usa.

Turchia, Afghanistan, Egitto, Indonesia, Belgio, Bangladesh, Francia e, da ultima, anche la Germania. Questi alcuni dei Paesi che sono stati colpiti dalla follia omicida degli uomini del Califfo, nel corso dell’anno che è quasi giunto al termine. Non solo attacchi kamikaze e sparatorie, metodi a cui ci hanno abituati anche altri gruppi terroristici islamisti, ma anche brutali uccisioni a colpi di coltello e attacchi sferrati con camion in luoghi affollati.

Ecco il video realizzato da Formiche.net e Mondocane sugli attentati compiuti nel 2016 dall’Isis. Testi a cura di Zeffira Zanfagna

 

ultima modifica: 2016-12-24T08:00:29+00:00 da Zeffira Zanfagna

 

 

 

 

Chi ha letto questo articolo ha letto anche:

Click on a tab to select how you'd like to leave your comment

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>