In Olanda la destra rintuzza l’avanzata dei populisti

In Olanda la destra rintuzza l’avanzata dei populisti
Il corsivo di James Hansen

Le elezioni di ieri hanno prodotto un esito insolitamente chiaro, seppure non necessariamente le basi per un nuovo governo stabile dell’Olanda.

La vittoria del partito conservatore VVD (che comunque ne esce con meno seggi) sul PPV di Geert Wilders – interessante notare che in quel paese è la destra a difendere l’appartenenza all’Ue contro un sfidante ancora più a destra – è indubbia, ma la lezione da trarre è ambigua. I più la interpreteranno come uno stop ai populisti. Lo è sicuramente, ma in Olanda…

Il risultato confermerà a Bruxelles che basta stare ancora fermi e passerà la buriana anti-europeista. È però anche vero che l’esito elettorale – di segno spettacolarmente opposto alla Brexit – si presta ad essere interpretato come l’ennesima dimostrazione della fondamentale disomogeneità dei “pezzi” che compongono l’Unione.

ultima modifica: 2017-03-16T12:37:46+00:00 da James Hansen

 

 

Chi ha letto questo articolo ha letto anche:

Click on a tab to select how you'd like to leave your comment

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>