Ecco la vera lezione (non solo per Beppe Grillo) del caso Marika Cassimatis a Genova

Ecco la vera lezione (non solo per Beppe Grillo) del caso Marika Cassimatis a Genova
Il corsivo di Giuliano Cazzola

La vicenda di Marika Cassimatis è allucinante e dovrebbe rendere avvertiti quegli sprovveduti che – con la smania di infilare le braghe al mondo e di scontare chissà quali peccati originali – vorrebbero – dicono loro – dare attuazione all’articolo 49 della Costituzione (“Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale”), benché il legislatore del 1948 non lo avesse previsto e lo ritenesse non solo inutile, ma sbagliato. E pericoloso per la democrazia.

Che un tribunale possa stabilire – a legislazione vigente – chi ha diritto di essere candidato a sindaco di Genova per il M5S, basandosi su di una procedura interna al movimento, è una cosa – si dice dalle mie parti – che non riescono a saltarla neppure i cavalli.

Figuriamoci se ci dovesse essere una legge ordinaria che regola i rapporti associativi, decisionali, elettivi, operativi all’interno di un partito o di un movimento. Il segretario finirebbero per sceglierlo le procure, anche in punto di diritto.

ultima modifica: 2017-04-12T11:50:56+00:00 da Giuliano Cazzola

 

 

 

Chi ha letto questo articolo ha letto anche:

1 Commento su “Ecco la vera lezione (non solo per Beppe Grillo) del caso Marika Cassimatis a Genova

  1. I tribunali si attivano lì dove si suppone siano violate delle leggi, le stesse leggi che scrivono quei tizi che si candidano attraverso i partiti e poi vengono eletti.

    È soltanto sacrosanto che dei giudici arrivino a dirimere matasse legali, la parte tragica non sta quindi in questo, ma piuttosto nel fatto che siano stati portati a farlo da supposte disonestà all’interno dei partiti stessi, ed ancor di più se tali disonestà si certificano nero su bianco.

    E non è certamente la prima volta che accade che un giudice stabilisce cosa sia lecito che un partito faccia oppure no, la giurisprudenza nel corso di questi anni si è arricchita di casi. Uno recentissimo è quello del PD di Orfini, a cui un giudice ha rigettato le modifiche statutarie.

Click on a tab to select how you'd like to leave your comment

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>