Banca Etruria, la querelle tra Boschi, de Bortoli e Ghizzoni nel foto-racconto di Formiche.net

Foto-racconto di Formiche.net sul caso Banca Etruria riesploso dopo la pubblicazione dell’ultimo libro dell’ex direttore del Corriere della Sera Ferruccio De Bortoli. Che nel raccontare le vicende legate al salvataggio dell’istituto di credito aretino ha scritto: “Nel 2015 Maria Elena Boschi chiese a Federico Ghizzoni di valutare una possibile acquisizione di Banca Etruria”.
18 parole che hanno nuovamente infiammato il dibattito politico-giornalistico attorno a questa vicenda. La risposta di Boschi, però, non si è fatta attendere: “Non ho mai chiesto all’ex ad di Unicredit, Ghizzoni, né ad altri, di acquistare Banca Etruria. Sono stupita per questa ennesima campagna di fango, stavolta ho affidato la pratica ai legali per tutelare il mio nome e il mio onore”. Il ministro ha per questo nominato due legali: l’ex Guardasigilli Paola Severino e il professore dell’Università di Roma Tre Vincenzo Zeno-Zencovich. Il quale a proposito delle rivelazioni dell’ex direttore del Corriere della Sera ha dichiarato: “Non metto in dubbio che qualcuno possa aver detto a De Bortoli chissà cosa, ma forse direi che quella fonte non è molto attendibile“.
Nessun chiarimento specifico, invece, da parte dell’ex amministratore delegato di Unicredit Ghizzoni. “Non comment”, è stato il suo primo commento, al quale ha aggiunto qualche altro elemento. “E’ normale che politici e banchieri si parlino, specie nelle situazioni di crisi”, ha dichiarato, prima di affermare che “se mi convocheranno parlerò alla commissione d’inchiesta: in Parlamento, non sui giornali, risponderò ovviamente a tutte le domande che mi faranno”.
Le ricostruzioni giornalistiche nel frattempo ovviamente abbondano. Con una sola certezza: che alla fine Unicredit non ha acquistato Banca Etruria.

ultima modifica: 2017-05-19T12:57:12+00:00 da Andrea Picardi

 

 

 

 

 

 

Chi ha letto questo articolo ha letto anche:

Click on a tab to select how you'd like to leave your comment

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>