Ore decisive

300mila dispersi e 100mila senza tetto. In Myanmar non si può perdere tempo. Gli aiuti devono arrivare al più presto per salvare, ancora una volta, chi è scampato al ciclone. Divieto d'entrata per operatori statunitensi.