Birol, Calenda, Descalzi e Galletti presentano il World Energy Outlook 2017. Foto di Pizzi

Si è tenuta la mattina del 1° dicembre a Roma nella sede romana dell’Eni la presentazione del World Energy Outlook 2017, principale pubblicazione dell’Agenzia Internazionale dell’Energia su scenari e prospettive del mercato energetico globale. A presentarlo l’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, Fatih Birol, direttore esecutivo dell’Agenzia Internazionale dell’Energia, Carlo Calenda, ministro dello Sviluppo Economico, Gian Luca Galletti, ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare moderati dal giornalista e direttore di World Energy Mario Sechi.

“Siamo in una situazione umiliante per il Paese perché non riusciamo a fare un tubo da un metro e mezzo”, ha detto Calenda sul Tap durante la presentazione aggiungendo che il problema è che “per ogni infrastruttura che si fa, in Italia, ci bloccano perché sembra che il territorio venga violato anche quando il tubo sta sedici metri sottoterra ed è grosso un metro e mezzo”. Parole severe, quelle del ministro, orientate al raggiungimento di una concretezza, a sua opinione, latente nel Paese.

L’obiettivo, ha ricordato il ministro, deve essere quello dell’efficienza energetica, ma bisogna anche “costruire meccanismi che mettano al riparo da eventuali shock pezzi dell’industria che ne sarebbero colpiti”. Mentre si punta all’ambiente, dunque, non bisogna dimenticare che si rischia “di far perdere posti di lavoro”. “La fase di transizione sarà lunga – ha aggiunto – e quando dico lunga intendo che non bisogna farsi prendere dall’idea che tutto accadrà domani mattina”, arrivando così a scelte “sconclusionate” che gravano con costi altissimi. (qui l’articolo completo).

Per Formiche.net era presente Umberto Pizzi. Ecco tuttele sue foto.

(c) Umberto Pizzi – Riproduzione riservata

ultima modifica: 2017-12-01T16:20:34+00:00 da Simona Sotgiu