Cazzullo, Colombo e Maggioni misurano “La febbre di Trump” con Ferraresi. Foto Pizzi

Aldo Cazzullo, inviato speciale ed editorialista del Corriere della Sera, Furio Colombo, giornalista e scrittore, e  Monica  Maggioni, giornalista e presidente Rai, hanno presentato ieri, mercoledì 1° marzo, al Centro Studi Americani “La febbre di Trump. Un fenomeno americano” di Mattia Ferraresi, corrispondente de Il Foglio dagli Stati Uniti.

L’evento è stato introdotto da Paolo Messa, direttore del Centro Studi Americani.

Mattia Ferraresi racconta le radici, le idee e le ragioni del trumpismo: “La profezia l’aveva enunciata il caustico editorialista Samuel Francis nel 1996, in tempi di sicurezze economiche e affermazione, all’apparenza incontrovertibile, del verbo democratico: “Con le élite che tentano di trascinare il paese nei conflitti e negli impegni globali, guidano la pastorale economica degli Stati Uniti, lavorano alla delegittimazione della nostra stessa cultura e all’esproprio dei beni della nostra gente, disprezzano i nostri interessi nazionali e la nostra sovranità, una reazione nazionalista è quasi inevitabile, e assumerà probabilmente una forma populista quando arriverà. E prima arriva, meglio è”. Aveva previsto tutto, Francis, tranne il ciuffo”.

“Rintracciare le origini della forma mentis nostalgica e della vaghezza politica di Trump – scrive ancora Ferraresi – permette di capire che non è un fenomeno avulso dal contesto: la sua figura, il suo credo contraddittorio, il linguaggio hanno una loro dimensione nella storia della democrazia americana che va rinvenuta nel passato e messa a confronto con le incertezze dell’oggi. Trump parla a un’America ferita, un paese che soffre di patologie non riconducibili a meri fattori economici”.

9788831725705_0_0_1699_80

(M. Ferraresi, La febbre di Trump. Un fenomeno americano, Marsilio, 160 pagine, 12 euro)

Foto (c) Umberto Pizzi. Tutti i diritti riservati

ultima modifica: 2017-03-02T12:53:55+00:00 da Valeria Covato

Click on a tab to select how you'd like to leave your comment

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>