Girardelli, De Gennaro, Fedeli, Moretti e Vecciarelli al Premio Leonardo 2016. Foto di Pizzi

Studenti, neolaureati, dottorandi e dipendenti di Leonardo sono stati premiati ieri per i migliori progetti High Tech dalla ministra Valeria Fedeli, dal Presidente Giovanni De Gennaro e dall’Amministratore Delegato di Leonardo, Mauro Moretti, in occasione del Premio Leonardo 2016.

Sono stati quasi 700 i progetti presentati dai dipendenti del Gruppo e pervenuti da tutti i siti di Leonardo in Italia, in UK e nel resto del mondo. Circa 5.000 i contatti generati sulla piattaforma on-line dedicata al Premio per i Giovani i cui vincitori (tre nella categoria studenti/neolaureati, tre in quella dottorandi) avranno la possibilità di usufruire di stage formativi nel Gruppo, oltre a ricevere riconoscimenti economici.

“Riconoscere il talento dei giovani e dare fiducia alle loro ambizioni. Perché da loro dipende il futuro di crescita per l’intero Paese. È l’obiettivo principale del Ministero che rappresento – afferma la Ministra Valeria Fedeli – e sono contenta sia anche scopo di un’iniziativa lodevole come il Premio Innovazione Leonardo al quale oggi partecipiamo. L’investimento sulle nuove generazioni deve essere sempre più condiviso da tutta la società perché siamo tutti responsabili del mondo del quale oggi poniamo le basi e che vivremo domani”.

A vincere il Premio per i giovani nella sezione dottorandi è stato Federico Bella (Politecnico di Torino – Dipartimento di Scienza Applicata e Tecnologia), con un progetto di integrazione solare-batterie con fotopolimeri; il secondo premio è andato a Arnaud Gigot (Politecnico di Torino – Scienza e Tecnologia dei Materiali) con il suo progetto di tastiera TIGRE GeneRa Energia; il terzo posto, invece, vede il progetto di sintesi di materiali nanostrutturati C/Si per elettrodi ottimizzati per batterie al Litio ideato da Marco Natali (Università la Sapienza, Roma – Nanoscienze ed Elettromagnetismo).

Ecco tutte le foto dal Premio Leonardo firmate Umberto Pizzi.

(c) Umberto Pizzi – Riproduzione riservata

ultima modifica: 2017-01-26T15:37:22+00:00 da Simona Sotgiu

Click on a tab to select how you'd like to leave your comment

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>