Migranti, rifugiati e profughi. Le foto delle nuove rotte umane

Un’immagine dice più di mille parole. La foto del corpo del piccolo Aylan, morto sulla spiaggia nel tentativo di fuggire dalla guerra in Siria, ha scatenato l’indignazione internazionale e un caldo dibattito sull’oportunità di pubblicare o no questo tipo di scatti. Ma le immagini sull’emergenza immigrazione sono molte.

La fotografia anonima di Abdul Halim Attar, un rifugiato palestinese ripreso mentre vendeva penne a Beirut con la figlia in braccio, ha ispirato una raccolta di fondi sul sito Indiegogo. Sono stati raccolti 181mila dollari per un fondo a favore dei bambini siriani.

Molte di queste fotografie sono state premiate al World Press Photo Award 2015.

ultima modifica: 2015-09-04T12:35:32+00:00 da Rossana Miranda