Chi c’era al convegno di Legambiente e Corepla sul riciclo della plastica. Foto Pizzi

Questa mattina a Roma Legambiente e Corepla hanno svelato numeri e storie di successo nel riciclo della plastica. L’incontro dal titolo “L’economia circolare conviene. L’industria del riciclo della plastica come vantaggio competitivo in Italia e in Europa” si è tenuto al Centro Studi Americani diretto da Paolo Messa, ed è stato aperto dal presidente di Corepla Antonello Ciotti e dal direttore generale di Legambiente Stefano Ciafani. 

In sala esperti del settore come Michel Loubry (responsabile Marine litter PlasticsEurope), Loris Pietrelli (ricercatore Enea), Giorgio Zampetti (responsabile scientifico Legambiente) e Fabio Fava (Università di Bologna – Strategic Board Bluemed), di rappresentanti di innovative aziende di riciclo, come Palmino Di Giacinto (amministratore unico CIER), Emanuele Rappa (amministratore delegato Revet) e Michele Rasera (direttore generale Contarina).

Alla tavola rotonda sulla leadership italiana nel nuovo scenario europeo definito dal pacchetto sull’economia circolare, moderata dal giornalista del Sole 24 Ore Jacopo Giliberto, hanno partecipato il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, il presidente della commissione Ambiente della Camera Ermete Realacci, il vicepresidente di Anci Federico Pizzarotti, il presidente Conai Roberto De Santis, il presidente Unionplast Giorgio Quagliuolo, il presidente della Fondazione per lo sviluppo sostenibile Edo Ronchi e la presidente nazionale di Legambiente Rossella Muroni.

Qualche numero sul riciclo: nel 2016 sono 960.000 le tonnellate raccolte (+6,9% rispetto al 2015) e 550 mila le tonnellate di imballaggi in plastica riciclate da Corepla. Il Veneto si conferma regione capofila con quasi 25 kg di imballaggi in plastica raccolti per abitante all’anno, seguito dalle ottime prestazioni di Sardegna (20,8 kg/ab/anno), Marche (19,7) e Valle d’Aosta (19,5). L’Emilia Romagna (18 kg come il Piemonte) si conferma prima regione del Nord Est, seguita nella classifica generale, dalla Campania (17,7) e dalla Lombardia (17,6). Buone performance anche per la Toscana (17,4), il Friuli Venezia Giulia (17,1) e il Trentino Alto Adige (16,7), seguite dalle regioni del centro sud: Umbria (15,6), Abruzzo (15,1) e Lazio (13,1). La raccolta in Liguria si attesta sui 12,7 kg a persona, poco più della Puglia (11,2) e della Calabria (9,7), seguite dalla Basilicata (7,9), dal Molise (6,8) e dalla Sicilia che rimane ancora fanalino di coda con 4,8 kg di materiale recuperato. In media, sono 15,8 i chilogrammi di imballaggi recuperati per abitante all’anno in Italia.

Leggi qui cosa è stato detto al convegno

(c) Umberto Pizzi. Tutti i diritti riservati

ultima modifica: 2017-04-04T08:05:15+00:00 da Valeria Covato