Lo Spazio italiano festeggia 50 anni. Le foto con Battiston, Moretti, Preziosa e…

Sono passati 50 anni dal 15 dicembre 1964, quando dalla base di Wallops Island in Virginia, venne lanciato il primo satellite italiano, San Marco-1. Da quel giorno, il percorso scientifico e tecnologico italiano è cresciuto e andato avanti fino ad arrivare agli odierni livelli di eccellenza.

Il San Marco-1 fu il frutto della competenza tecnica dell’Università di Roma e della lungimiranza dell’Aeronautica Militare Italiana, due istituzioni che trovarono la loro sintesi nella figura di Luigi Broglio.

Per celebrare questa ricorrenza l’Agenzia Spaziale Italiana, insieme al Centro Studi Militari Aeronauti “Giulio Douhet” (CESMA), l’Aeronautica Militare e l’Università “La Sapienza”, e con il supporto dell’ESA, ha organizzato una giornata di ricordo e dibattito sul futuro dell’Italia nello Spazio.

Hanno partecipato Mauro Moretti, ad di Finmeccanica, Roberto Battiston, presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), Pasquale Preziosa e Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare.

Ecco tutti gli approfondimenti di Formiche.net:

L’Italia e lo spazio, i nostri primi 50 anni. L’intervento di Stefania Giannini
Roberta Pinotti: così difendiamo l’eccellenza spaziale italiana
San Marco, tra Italia e Usa sodalizio spaziale ancora vivo. Parola dell’ambasciatore Phillips
Satelliti, un asset vitale. Parla Magrassi, il consigliere militare di Renzi
Preziosa: Stazione spaziale internazionale nel segno di Luigi Broglio
Prette (Thales Alenia Space Italia): Investire e fare sistema per essere ancora vincenti
Dopo Rosetta, ora guardiamo a Marte. Di Roberto Battiston

ultima modifica: 2014-12-16T16:19:10+00:00 da Simona Sotgiu

  • Sor Pampurio

    Lo spazio italiano e’ morto. Non facciamo piu’ nulla e Alenia e’ dei francesi. Sarebbe meglio chiudere l’ASI e risparmiarci gli stipendi di questi cialtroni. Purtroppo e’ questa la verita’.