La carriera di Nello Musumeci, nuovo governatore della Sicilia, in 20 foto

Alla fine dello scorso aprile, Nello Musumeci si era candidato alle regionali della Sicilia spaccando il centrodestra. Adesso ha vinto la sfida elettorale contro il candidato del M5S, Giancarlo Cancellieri, e sarà il nuovo governatore della Sicilia. Il candidato del centrodestra si è imposto con circa il 38,7 per cento dei voti, contro i 35,5 per cento di Cancelleri.

Nello Musumeci nasce a Militello in Val di Catania nel gennaio del 1955. Bancario, di formazione cattolica, è cresciuto nelle fila della Destra politica catanese. Giornalista pubblicista, compie gli studi universitari in Scienze della Comunicazione. Negli anni Ottanta insegna all’Istituto superiore di giornalismo di Acireale ed è tra i fondatori dell’Istituto siciliano di studi politici ed economici. Ha scritto e pubblicato saggi di storia contemporanea.

“Solo i siciliani possono cambiare la Sicilia. Il mio compito è quello di tirare fuori dal pantano questa terra dove vogliono continuare a vivere i miei figli e i miei nipoti” – ha detto Musumeci.

In Sicilia è stato il primo presidente di Provincia eletto direttamente dal popolo. La sua notorietà è legata anche a quella felice stagione (1994-2003), conosciuta come “la Primavera di Catania”, che segna la ricostruzione morale, economica e culturale del territorio etneo. Sono gli anni in cui – secondo Datamedia – Musumeci è il presidente di Provincia col più alto indice di gradimento in Italia.

Apre al pubblico le ciminiere restituendo ai catanesi un luogo simbolo della città, potenzia la proposta culturale creando il museo storico dello sbarco in sicilia e il museo di cinema, riqualifica la rete stradale e l’edilizia scolastica migliorando così strutture e infrastrutture. Per tre legislature è eletto deputato, con alleanza nazionale, al parlamento europeo (1994-2009). Durante e dopo la preoccupante eruzione dell’Etna del 2001 è nominato commissario del governo per l’emergenza e la ricostruzione sul vulcano. Nel 2008 diviene consigliere comunale nel capoluogo etneo, il più votato dalla città. Tre anni dopo entra a far parte del governo nazionale, quale sottosegretario di stato al lavoro e alle politiche sociali. Nel 2015 fonda il movimento politico siciliano #diventeràbellissima.

Nel 2013 viene eletto, per unanime volontà di tutti i gruppi politici, presidente della Commissione Regionale Antimafia dell’Ars, consacrazione istituzionale di un impegno sociale perpetrato negli anni. Crea la fondazione cardinale Dusmet per sostenere le famiglie vittime degli usurai. Propone la creazione di un osservatorio europeo sul fenomeno delle mafie e porta l’attenzione di Bruxelles su una problematica chiave della Sicilia.

Chiede l’istituzione dell’ora della legalità per educare all’onestà i giovanissimi facendo cultura della legalità nelle scuole. Per questo suo costante impegno antimafia, Musumeci è costretto per lungo tempo vivere sotto scorta. In concomitanza con la sua candidatura alle regionali si dimette, per una questione di onestà e trasparenza, dalla presidenza della commissione antimafia. “Non potrò alternare il doppio ruolo di presidente dell’antimafia e di candidato alle primarie del centrodestra senza correre il rischio di esporre la commissione a strumentalizzazioni” – ha commentato Musumeci.

(Foto Imagoeconomica)

ultima modifica: 2017-11-06T21:03:58+00:00 da Alessandro Albanese Ginammi