Nichi Vendola ed Eddy Testa visti da Umberto Pizzi. Le foto

L’ex governatore della Puglia, Nichi Vendola, e il suo partner italo canadese, Ed Testa, hanno da poco annunciato di essere diventati genitori (1 e 2) di Tobia Antonio, bambino nato negli Stati Uniti attraverso la pratica della maternità surrogata. La notizia, venuta fuori a pochi giorni di distanza dallo stralcio della step child adoption dal ddl Cirinnà, ha scatenato reazioni di interdizione non solo tra i difensori della famiglia tradizionale, ma anche tra chi, su questi temi, si è sempre definito progressista, come il presidente della Camera Laura Boldrini.

Il maestro Umberto Pizzi ricorda i due neo papà tra i sorrisi e i brindisi colti in occasione dell’inaugurazione della nuova sede di Sel di via Arenula a Roma, nell’aprile di due anni fa. Tra gli altri era presente anche Boldrini.

Di seguito alcuni articoli pubblicati su Formiche.net sul tema (e sulle discussioni) dell’utero in affitto.

Gli articoli di Rossana Miranda:

Cosa fa davvero l’associazione di gestazione surrogata Extraordinary Conceptions.

Benvenuti a Tabasco, il “paradiso” messicano dell’utero in affitto.

Ecco i prezzi alla boutique dell’utero in affitto.

Growing Generations, benvenuti al supermarket californiano della maternità surrogata.

Ecco gli stati dove l’utero in affitto è legale. L’articolo di Sveva Biocca.

Nichi Vendola e il mercantilismo della maternità. Le Punture di Spillo di Giuliano Cazzola.

Gandolfini, Gotor, Giavazzi, Vendola. Avanti tutta con le capriole. Il pezzo di Michele Arnese.

Che cosa penso della maternità surrogata. L’analisi di Benedetto Ippolito.

 

ultima modifica: 2016-03-05T07:28:01+00:00 da Sveva Biocca

Click on a tab to select how you'd like to leave your comment

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>