Pietro Grasso presenta i candidati di LeU per il Lazio (e dice la sua su Macerata). Foto di Pizzi

La tentata strage che si è quasi consumata a Macerata per mano di un estremista di destra, Luca Traini, nella giornata di ieri è al centro del dibattito politico. A parlarne anche il leader di Liberi e Uguali, Pietro Grasso, nel corso della presentazione dei candidati nel Lazio. “Non voglio strumentalizzare quanto accaduto a Macerata, tuttavia si tratta di un preoccupante rigurgito di violenza fascista e razzista al quale è necessario porre un argine”.

Dopo il meeting, che si è tenuto in mattinata a Roma al Teatro Eliseo, il leader di LeU è stato ospitato da Lucia Annunziata nel suo programma In Mezz’ora, in cui ha chiarito, rispondendo a una domanda della giornalista, se ritenesse Salvini “mandante morale” dell’aggressione. “Da un punto di vista giuridico certamente no – ha risposto Grasso -. Da un punto di vista politico chi fomenta queste azioni, non in maniera diretta, non c’è dubbio che influisce politicamente su questa situazione di malessere che può poi determinare in alcune persone delle manifestazioni violente come questa”. “Certo che politicamente è un tema che ha sempre cavalcato lui – ha concluso – ha buttato benzina sul fuoco e ha alimentato le paure, l’insicurezza delle persone e allora forse dobbiamo fermarci un attimo, riflettere e capire se è veramente questo il bene del Paese e io penso proprio di no”.

Ecco le foto di Pietro Grasso, Alfredo Dattorre, Roberto Speranza, Miguel Gotor, Loredana De Petris e tanti altri ancora, alla presentazione delle liste di LeU per il Lazio.

(c) Umberto Pizzi – Riproduzione riservata

ultima modifica: 2018-02-04T16:09:21+00:00 da Simona Sotgiu