Chi c’era alla presentazione del libro di Pier Luigi Celli all’Aniene. Foto di Pizzi

Al Circolo Canottieri Aniene presentazione del libro “Il potere, la carriera e la vita” di Pier Luigi Celli, edito da Chiarelettere. Insieme all’autore il giornalista e scrittore Filippo Ceccarelli, il presidente Snam Luca Dal Fabbro, il presidente del Coni e membro del Cio Giovanni Malagò, il giornalista e scrittore Marco Ferrante e il presidente di Anima per il sociale nei valori d’impresa Sabrina Florio.

La quarta di copertina del libro:

“Il potere può essere una malattia e bisogna essere capaci di guarirne. Parola di chi il potere l’ha gestito per molti anni essendo stato dirigente di Olivetti, di Eni, Enel, Unipol, Rai, Poste italiane, Luiss, e che in questo libro prova a raccontarsi e a rovesciare molti luoghi comuni sul mestiere del manager. La sua ricetta è diretta e sorprendente: mettere al centro le emozioni che, se ben governate, costituiscono la vera risorsa di una persona e di un’azienda. Per questo, secondo Celli, gli ambienti di lavoro devono essere concepiti in modo che “ognuno possa esprimersi al meglio secondo potenzialità e forme di intelligenza specifica”. Non è facile. C’è molto da svecchiare. Le logiche aziendali del Novecento fondate su gerarchie verticali e l’evidenza dei soli numeri come criterio decisionale fondamentale stanno rivelando tutta la loro incongruità. Le persone non sono numeri e “non è una scelta intelligente quella di usare gli uomini solo come macinatori di risultati”. Un libro che si legge con passione perché sincero e rivelatore, tra ricordi personali (la collaborazione con dirigenti come Tatò, Mincato, Cagliari, De Benedetti, Bernabé) e ricette per affrontare le grandi trasformazioni che stanno rivoluzionando il mondo dell’impresa. Ecco che cosa i “potenti” di oggi possono lasciare in eredità ai “potenti” di domani”.

(Foto: Umberto Pizzi-riproduzione riservata)

ultima modifica: 2019-11-23T15:17:48+00:00 da Francesca Scaringella

  • Antonio

    A Roma si continua imperterriti a divertirsi….