Il Covid-19 ha esacerbato le fragilità sociali nella distribuzione del benessere e della ricchezza in tutto il mondo, e scatenato comportamenti egoistici e rivali nelle abitudini di consumo, paure irrazionali e indisponibilità a cooperare. Per questo la decisione sull’imposta globale minima è una buona notizia

Il Covid-19 ha esacerbato le fragilità sociali nella distribuzione del benessere e della ricchezza in tutto il mondo, e scatenato comportamenti egoistici e rivali nelle abitudini di consumo, paure irrazionali e indisponibilità a cooperare. La mancanza di coordinamento è stata un grave problema sia a livello nazionale che internazionale e una politica nazionalistica poco lungimirante per l’approvvigionamento e l’uso dei vaccini è sembrata prevalere nei paesi più avanzati in tutte le fasi della pandemia.

Secondo l’Onu, i dieci Paesi più ricchi del mondo hanno di fatto monopolizzato sia il consumo che l’offerta di vaccini con 1 persona su 4 vaccinata contro 1 persona su 500 nei paesi più poveri. Tuttavia, l’apparente fine della loro acuta crisi pandemica, ottenuta attraverso il successo di una vaccinazione di massa nei paesi più sviluppati, è un’illusione temporanea, poiché la pandemia si sta diffondendo senza limiti nel resto del mondo, dove la mancanza di risorse finanziarie e il coordinamento internazionale rendono l’offerta di vaccini insufficiente, mal distribuita e insicura.

Questa condizione è l’ennesima manifestazione della natura insostenibile del modello attuale di sviluppo dell’economia globale. L’insostenibilità in questo caso dipende non solo dall’apertura di un’altra dimensione di disuguaglianza e miseria internazionale, ma anche dal fatto che la pandemia non può essere realmente arrestata a meno che non si realizzi una quantità sufficiente di immunizzazione a livello globale, e che questo avvenga in tempi record, a causa della comprovata capacità del virus di mutare in varianti sempre più infettive.

In questo quadro di conseguenze sociali insostenibili e di urgenza di azioni internazionali, la recente decisione del G7 di avallare un’imposta globale minima del 15 % sui profitti delle imprese multinazionali è una buona notizia. L’Ocse ha stimato lo scorso ottobre che almeno 81 miliardi di dollari di entrate fiscali aggiuntive ogni anno potrebbero essere raccolti nell’ambito della riforma. Mentre la tassa è stata salutata come una conquista di giustizia fiscale e un aiuto alle casse dei paesi ricchi sotto stress per la crisi economica, nel breve periodo il suo uso principale dovrebbe essere il finanziamento internazionale della vaccinazione di massa per i paesi in via di sviluppo.

Questo obiettivo dovrebbe inoltre essere perseguito immediatamente al di là di qualsiasi altro programma di riduzione del debito pubblico o di alleggerimento delle crisi.
I finanziamenti resi possibili dai proventi della tassa sarebbero sufficienti a invertire l’attuale deriva insostenibile della pandemia nella parte più povera del mondo? Se l’imposta viene applicata in modo tempestivo ed efficace, la risposta è positiva.

Il Fondo Monetario Internazionale stima che il costo complessivo di una campagna di vasta portata, volta a vaccinare il 60% della popolazione mondiale entro il 2022, sarebbe di 50 miliardi di dollari, un importo che anche un’applicazione minima della tassa sarebbe in grado di riscuotere in un solo anno. A fronte di questo costo limitato, le stime del Fmi sui benefici cumulativi, tra cui vaccinazioni, diagnostica e terapie, sarebbero circa 9000 miliardi di dollari entro il 2025, con oltre il 40% di questo guadagno che andrebbe alle economie avanzate.

I benefici sarebbero pervasivi e potrebbero alleviare alcuni degli aspetti più insostenibili delle conseguenze economiche e sociali del virus. Essi includerebbero una ripresa economica più forte, con un maggiore aumento della domanda globale di beni e servizi , estesi effetti di fiducia sugli investimenti e i consumi e una conclusione duratura della pandemia. Il un guadagno cumulativo è stimato nell’ordine di mille miliardi di dollari in gettito fiscale aggiuntivo per le economie avanzate. Ciò significa che la combinazione dell’imposta globale sulle società e della proposta di finanziamento dei vaccini del FMI può non solo pagarsi da sola, ma potrebbe essere l’investimento pubblico con il rendimento più elevato di sempre .

Condividi tramite