Perché San Pellegrino frizza di gioia per l’intesa con Poletti e i sindacati

Perché San Pellegrino frizza di gioia per l’intesa con Poletti e i sindacati

Il gruppo San Pellegrino ha deciso di allargarsi (nel Lazio) e di prediligere la “politica zero” (zero impatto ambientale e zero incidenti per i lavoratori). Come annunciato da Stefano Agostini, presidente e amministratore delegato del gruppo San Pellegrino, infatti, aprirà un nuovo stabilimento nel Lazio in provincia di Frosinone “che vedrà impiegati solo lavoratori under 30 e sarà a totale impatto zero per qualsiasi materiale di produzione e di scarto”, afferma Agostini.

L’INTESA CON I SINDACATI

Per confermare la volontà di dare precise garanzie alla produzione del settore delle acque minerali, giovedì 28 gennaio il gruppo ha firmato un protocollo d’intesa con le organizzazioni sindacali che mira a “tutelare le fonti, lo sviluppo sostenibile, le opportunità occupazionali e il miglioramento continuo degli standard di flessibilità, sicurezza e qualità del lavoro” perché, come affermato da Giorgio Galbusera, coordinatore nazionale Fai Cisl, “non tutte le acque sono uguali e non c’è nessun metodo che possa rendere minerale un’acqua che non nasce tale”. 

“Lo stabilimento in provincia di Frosinone, che andrà ad aggiungersi a quello delle regioni Sicilia e Veneto, contribuirà non solo a diminuire i costi della produzione per la nevralgica posizione geografica, ma anche a continuare nel progetto della sostenibilità: nulla verrà sprecato. Inoltre – aggiunge Agostini – puntiamo ad aumentare la distribuzione su rotaie per risparmiare enormi quantità di CO2 nel trasporto dei materiali”.

POLETTI CONSACRA

“Sono grato a chi ha pensato e realizzato questo protocollo” ha dichiarato il ministro del Lavoro Giuliano Poletti, intervenuto nel corso dell’incontro. “Le istituzioni – ha proseguito Poletti – devono essere a fianco di queste situazioni perché se riduciamo gli incentivi e contemporaneamente riduciamo gli ostacoli a far bene l’impresa è meglio. Spendiamo tutte le energie che abbiamo non per produrre incentivi che intossicano mercato e relazioni, facciamo invece un grande sforzo per dare un campo pari perché i nostri lavoratori e le imprese competano al meglio con tutte le altre”.

SAN PELLEGRINO: DALLA COLAZIONE ALL’APERITIVO

Il gruppo San Pellegrino è una società del gruppo Nestlé, principale azienda italiana nel settore di acque minerali e bibite non alcoliche produttrice, produttrice di diverse bevande “storiche”, come Chinò, Beltè, Sanbitter, Gingerino e, naturalmente, l’Aranciata San Pellegrino. Come sottolineato da Agostini, “nonostante la crisi del mercato che ha visto dei cali anche nel nostro gruppo dal 2008 al 2014, San Pellegrino – continua il presidente e ad – sta crescendo, soprattutto all’estero: basti pensare che nel ’98 venivano esportate 300mila bottiglie e ora circa un milione e 300mila”.

 

 

ultima modifica: 2016-01-29T09:14:28+00:00 da Sveva Biocca

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: