Chi è Joshua Kushner, il cognato di Ivanka che non sostiene Trump

Chi è Joshua Kushner, il cognato di Ivanka che non sostiene Trump
L'articolo di Rossana Miranda

Cominciano i problemi nella famiglia allargata di Donald Trump. La “pecora nera” sarebbe Joshua Kushner, fratello di Jared (qui il ritratto a cura di Zeffira Zanfagna), marito di Ivanka Trump, e senior adviser alla Casa Bianca.

IL FRATELLO KUSHNER ALLA MARCIA DELLE DONNE 

Sul profilo Instagram di Joshua si può vedere una sua fotografia insieme al fratello Jared alla Casa Bianca. I due posano sorridenti davanti a un ritratto del presidente Kennedy. Ma basta cercare l’hashtag con il suo nome e si trova un’altra immagine: lui – sempre sorridente – in mezzo a una marea di capellini fucsia, simbolo della protesta tutta al femminile organizzata il giorno seguente l’Inauguration Day contro Trump. Finiti i festeggiamenti dell’Inauguration Day, Joshua Kushner è andato alla Women’s march diWashington. La fotografia è di Jessica Sidman del quotidiano Washingtonian: “Il fratello di Jared Kushner era alla Marcia delle Donne a Washington”, ha twittato la giornalista. “Ero lì perché volevo osservare”, ha risposto il giovane alla stampa.

IL PASSATO DEMOCRATICO IN FAMIGLIA

Ci sono, però, molti indizi che sostengono la ricostruzione che Jared non si trovasse alla protesta per caso. Basta guardare la cronologia dei suoi tweet per vedere che era a favore delle politiche di controllo sulle armi dell’ex presidente Barack Obama. Un portavoce della famiglia Kushner aveva confermato alla rivista Esquire, durante la campagna elettorale, che lui non avrebbe votato per Trump. Jared Kushner si sarebbe astenuto dal fare altre dichiarazioni politiche per non danneggiare il fratello che è molto legato al magnate americano.

SCANDALI FISCALI

La vena democratica del più piccolo dei fratelli Kushner ha molti precedenti: la famiglia Kushner ha elargito per anni donaizoni in favore del Partito Democratico, specialmente durante la presidenza di Bill Clinton. Secondo il sito Town & Country Magazine, Joshua è un democratico convinto. Charles Kushner, padre dei fratelli, è un filantropo molto famoso negli Usa, anch’egli magnate del settore immobilare, che ha sostenuto finanziariamente i democratici. Nel 2005, Charles Kushner è stato condannato a due anni di carcere per evasione fiscale, manipolazione delle testimonianze e donazione illegale in campagna elettorale.

GLI AFFARI CON L’OBAMACARE

Nato nel 1985, Joshua ha fatto fortuna grazie alle nuove tecnologie. È tra i primi investitori di Instagram e Spotify ed è diventato miliardario con un gioco online di calcio che si è inventato all’università.

Anni fa Joshua ha inventato anche un’applicazione sull’assistenza sanitaria, Oscar Health, basata nell’Obamacare. Secondo Bloomberg, il più piccolo dei Kushner potrebbe perdere più di 45 milioni di dollari per via della riforma sanitaria voluta dal nuovo presidente Trump.

IL TRUST CON IL FRATELLO JARED

Prima di diventare l’unico membro della famiglia con un ruolo ufficiale alla Casa Bianca, Jared Kushner ha venduto molti dei suoi beni al fratello minore attraverso un trust gestito dalla mamma. Il New York Times sostiene che la mossa finanziaria dovrebbe preoccupare gli avvocati dell’etica del governo: “Resta da vedere se la società di assistenza sanitaria di Joshua, Oscar Health, soffrirà con le future normative del governo”.

LA FIDANZATA MODELLA 

Ivanka Trump e Jared Kushner sono stati immortalati durante un partita di tennis agli Us Open insieme a Joshua Kushner e la modella Karlie Kloss. Si presume che lei sia la sua fidanzata. Secondo l’articolo di Esquire su Jared, i genitori di Joshua vorrebbero che la modella si convertisse all’ebraismo – come ha fatto Ivanka Trump – per sposare il figlio. Certo è che Kloss non ha votato per Trump. Sul suo profilo Instagram, la modella ha postato una foto mentre compilava il voto per corrispondenza con la didascalia #ImWithHer in sostegno a Hillary Clinton.

Immagine anteprima YouTube
ultima modifica: 2017-01-27T07:00:21+00:00 da Rossana Miranda

 

 

 

 

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: