Vi dico un paio di cosette sul Cnel

Vi dico un paio di cosette sul Cnel

Il Consiglio dei ministri dell’11 aprile ha avviato la procedura per il rinnovo dei Consiglieri del Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro (Cnel). Appartengo all’organo di rilievo costituzionale dal luglio 2010 nel gruppo di esperti nominati direttamente dal Capo dello Stato ed ho il compito di presiedere la Commissione speciale per l’informazione che ha la funzione di archiviare e catalogare i contratti di lavoro nel settore privato e di redigere il rapporto annuale sul mercato del lavoro. Sono uno dei ‘giapponesi’ – così vengono chiamati da alcuni cronisti- rimasti al Cnel dopo che un’improvvida norma azzerò, dal primo gennaio 2015, l’emolumento di 25.000 euro lordi l’anno ed il rimborso delle spese di missione. Mi sono consultato con chi mi aveva nominato: non solo l’esito del referendum sulla riforma costituzione era incerto (ha, come è noto,  stravinto il ‘no’) ma servire lo Stato è molto più importante di 1200 euro netti al mese e di pagare di tasca propria viaggi essenziali per il servizio.

I dipendenti del Cnel possono confermare che ho lavorato con assiduità ed impegno per l’organo anche dopo il primo gennaio 2015. La ‘relazione tecnica’ alla norma che ha reso difficile il lavoro del Cnel affermava che al referendum avrebbe vinto il ‘sì’ e che l’organo sarebbe stato chiuso. La norma comportava un risparmio di 500.000 euro a fronte di una spesa di 10 milioni di euro per manutenzione e costi dei dipendenti (di cui ovviamente una fetta importante per  gradi apicali). Quindi una spending review all’incontrario.

Credo che il Cnel abbia un ruolo importante nella politica di questi difficili anni di transizione economica, politica e sociale in cui i corpi intermedi hanno un ruolo sempre maggiore nella formazione delle scelte pubbliche e necessitano, quindi, di un assetto istituzionale. Ciò spiega perché sono circa un centinaio gli Stati che si sono dotati di Consigli Economici e Sociali (o con una denominazione leggermente differenti), perché anche l’Unione Europea e la Nazioni Unite hanno organi analoghi (di cui fa parte il Cnel italiano), perché esiste un’associazione internazionale (AICESIS) che collega queste istituzioni (l’Italia ne ha avuto la presidenza nel 2009-2011). In questi anni, la natura stessa dei corpi intermedi è mutata: è diminuito il ruolo dell’industria e del sindacato novecentesco e cresciuto quello delle professioni, del volontariato, del terzo settore e di quelle altre forme di imprenditorialità e di lavoro che solo pochi decenni orsono avevano un ruolo marginale nella società. Lo vedeva chiaramente Marco Biagi nel proporre uno statuto dei lavori.

Basandosi su dati dell’archivio Cnel, il giorno di Pasqua Il Corriere della Sera dedicava una pagina al fatto che degli 809 contratti collettivi nazionali di lavoro solo un terzo sono firmati da Cgil, Cisl e Uil. Basta questo indicatore per dimostrare che un organo come il Cnel è necessario per aiutare governo e Parlamento se non altro, a sbrogliare la intricata matassa della rappresentanza e della rappresentatività.

Sarebbe stato ottimale riformare il Cnel – una bozza di testo è stato presentata al governo ed alle Presidenze di Camera e Senato – prima di avviare la procedura di nomina, anche se è probabile che proprio sul tema della rappresentanza e della rappresentatività tale procedura potrà incagliarsi.

Occorre, però, consentire al Cnel di espletare i propri compiti (anche quelli attuali) a piena capacità. Dal primo gennaio 2015, si è lavorato a ranghi ridotti e senza risorse. Numerosi Consiglieri hanno dato le dimissioni: non potevano affrontare le trasferte a Roma senza essere rimborsati. La documentazione ufficiale mostra che gli adempimenti di politica interna (analisi di Def-Pnr  e Legge di Bilancio, Rapporto sul Mercato del Lavori, audizioni parlamentari, e via discorrendo) sono stati rispettati. Il Cnel ha organizzato seminari su sollecitazione del governo Gentiloni. Un seminario recente, su innovazione ed occupazione, ha inaugurato un nuovo modo di predisporre il rapporto sul mercato del lavoro; il seminario, realizzato in collaborazione con l’Ocse e con il centro studi ImpresaLavoro, ha portato attorno ad un tavolo specialisti e rappresentati dei nuovi corpi intermedi. Un altro ha dato uno contributo alle decisioni del Governo in materia di politica della famiglia. Ne è in preparazione uno di gran rilievo alla Camera dei Deputati. Tuttavia, il Cnel non ha potuto rispondere con la speditezza voluta ad alcuni compiti come la nomina di propri rappresentanti i Consigli Superiori di alcuni ministeri.

Soprattutto non ha potuto svolgere il proprio ruolo internazionale. Con il Cese europeo ci si è arrangiati grazie a Skype ma all’Ocse ed a organi analoghi delle Nazioni Unite e delle agenzie specializzate Onu, la sedia dell’Italia è rimasta vuota. Ciò – ha detto informalmente un Commissario Europeo – ha pesato e, se non corretto, continuerà a pesare nelle relazione tra  Bruxelles e Roma.

Mi auguro, nell’interesse del Paese, che il Cnel venga riformato per essere al passo con i tempi ed i suoi componenti vengano scelti non vengano scelti con il principio promoveatur ut amoveatur o con quello di integrare pensioni – criteri che sembra abbiamo ispirato alcune parti sociali nelle due ultime tornate.

ultima modifica: 2017-04-19T07:30:43+00:00 da Giuseppe Pennisi

 

 

Chi ha letto questo articolo ha letto anche:

Click on a tab to select how you'd like to leave your comment

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>