Tutte le novità su Medjugorje dopo le parole di Papa Francesco

Tutte le novità su Medjugorje dopo le parole di Papa Francesco

La sortita su Medjugorje di Papa Francesco dall’aereo papale di ritorno da Fatima ha avuto larga eco. Su migliaia di apparizioni, solo sette sarebbero autentiche, ha detto il pontefice. Ma sul lungo corso l’effetto deflagrante potrebbe essere meno clamoroso di quanto ci si potrebbe aspettare osservando le accese reazioni al giudizio di Bergoglio. Almeno stando ad alcuni precedenti che arrivano proprio dalla terra del Papa, l’Argentina.

IMPAZZA LA POLEMICA 

Sconcerto per chi crede alle presunte apparizioni. Malcelata soddisfazione per chi guarda con scetticismo al fenomeno. Occasione per i critici del pontificato di attaccare Bergoglio. C’è poi una posizione limite che ogni tanto fa capolino sui social: tra Medjugorje e il Papa, si scelgono i messaggi della presunta Gospa. Un caso esplosivo. In una lettera ad Avvenire, un frate carmelitano definisce “offensive” le parole del Papa per il popolo che segue i messaggi di Medjugorje. Marina Corradi, rispondendogli, riassume i termini del pericolo: se si dovesse fare a meno del messaggio di Medjugorje, a certe persone cosa resterebbe?

IL PRIMO COMMENTO DI PADRE LIVIO DI RADIO MARIA

Padre Livio Fanzaga, direttore di Radio Maria, si trova in questi giorni a Medjugorje. Lunedì ha affidato a una lunga diretta il suo commento alle parole di Francesco. La sua fedeltà al Papa è assoluta, fino a non accettare nella sua emittente nessuna voce citica nei confronti di Bergoglio, anche se di cattolici come gli apologeti Alessandro Gnocchi e Mario Palmaro o il giornalista e saggista Antonio Socci. Ma padre Livio crede anche fermamente a quella Medjugorje a cui il Papa guarda in maniera interrogativa. Delle sue parole valorizza il giudizio positivo sulla prima fase delle apparizioni, sulle quali si può continuare ad investigare. Padre Livio è intervenuto lunedì mattina. Attribuisce il periodo delle prime apparizioni al lasso di tempo che va dal 1981 al 1984. Non aveva ancora potuto leggere il resoconto più completo fino ad oggi uscito sulla relazione della commissione dottrinale presieduta dal cardinale Camillo Ruini, fornita da Andrea Tornielli poche ore dopo. Quel documento, frutto di una indagine durata quattro anni e al quale il Papa si riferisce, rivela che tredici dei quindici membri della commissione si sono espressi favorevolmente al riconoscimento della soprannaturalità delle prime sette apparizioni. Quindi dal 24 giugno al 2 luglio 1981. Non alle altre. E questo può far problema ai devoti della Gospa.

IL NODO DEI PRESUNTI SEGRETI

A Medjugorje la presunta Apparente avrebbe consegnato ai veggenti dieci segreti a cominciare dal dicembre 1982. Compreso un segno visibile e indistruttibile che dovrebbe palesarsi sulla collina della città bosniaca. Segreti che dovranno essere annunciati prima del loro attuarsi. “È chiaro che nel momento in cui questo avvenisse, i dubbi sulla verità delle apparizioni si scioglierebbero”, commenta padre Livio. Sostiene che anche il Papa, il quale ha espresso i suoi dubbi come “opinione personale” basandosi sui dati attualmente a sua disposizione, potrebbe ricredersi. Fanzaga cita l’attuarsi dei segreti come nuovo elemento di valutazione. Ma, appunto, i presunti segreti sarebbero stati affidati dalla Madonna in una fase delle apparizioni su cui la Commissione Ruini nutre dubbi. E sulla quale il Papa si è detto “ancora più cattivo”, per una fase che “non ha tanto valore”.

“LA CHIESA È  TENUTA A INTERVENIRE”

“Francesco non improvvisa. Se ha affermato ciò che ha avuto una così vasta eco è perché chi ha orecchie per intendere intenda”. Padre Salvatore Maria Perrella, uno dei membri della Commissione Ruini, commenta con Avvenire le parole del Papa: “A lui sta a cuore preservare la purezza della devozione mariana”. Questo è il nocciolo. Bergoglio è scettico sul fatto che la “Madonna di Medjugorje” mandi messaggi a getto continuo. Chiarisce il padre: “È un fatto assodato che la Vergine sia latrice di messaggi di Dio”. Ma le apparizioni sono di aiuto alla fede, e “se il popolo che si reca a Medjugorje non vive un clima di incontro con il Signore, la Chiesa è tenuta a intervenire”.

IL RUOLO DEI VEGGENTI

La Commissione Ruini si è espressa ovviamente anche sui presunti sei veggenti di Medjugorje. Non in modo concorde sul loro comportamento. Veggenti che, riporta Tornielli, la commissione ritiene non siano mai stati seguiti adeguatamente dal punto di vista spirituale. Dei ragazzi del 1981 oggi adulti, nessuno ha abbracciato la vita religiosa o il sacerdozio. Tutti hanno più o meno intrapreso professioni legate alle apparizioni, come l’apertura di case d’accoglienza per i pellegrini. Uno di loro trascorre una parte dell’anno in una villa con piscina negli Stati Uniti. La veggente di Lourdes, Bernadette, pur poverissima non accettò mai un centesimo dai pellegrini. Dal monastero dove si era ritirata si disse dispiaciuta perché alcuni parenti avevano cominciato a fare commercio di immagini sacre nella sua Lourdes, ormai meta di migliaia di pellegrini. Bernadette ebbe le apparizioni nel 1858. I tempi cambiano. E la vita personale dei veggenti non è per la Chiesa evidentemente un criterio assoluto per la valutazione delle apparizioni. I veggenti di La Salette – fenomeno riconosciuto dalla Chiesa – ebbero dopo le apparizioni una vita inquieta. Sui sei di Medjugorje padre Perrella specifica che “le apparizioni prescindono dallo stato di grazia di chi le ha. Anche Gesù non ha scelto dei santi come apostoli”.

SANTUARIO ANCHE SENZA PLACET PONTIFICIO

“La Commissione Ruini ha votato a maggioranza in favore della costituzione a Medjugorje di un’autorità dipendente dalla Santa Sede per la trasformazione della parrocchia in santuario pontificio”. Così riporta il vaticanista Tornielli. Una decisione dettata per “evitare che si formino chiese parallele” e “fare chiarezza sulle questioni economiche”. Una decisione “che non implicherebbe il riconoscimento della soprannaturalità delle apparizioni”. Insomma: la Chiesa deve trovare il modo di dare una risposta ai milioni di pellegrini che ogni anno visitano la città dell’Erzegovina e che nel mondo ne seguono i messaggi. Gruppi e fedeli sparsi, ma anche fedeli che si ritrovano in movimenti pienamente riconosciuti. Tra i più devoti alla “Madonna di Medjugorje”, ci sono gli appartenenti al Rinnovamento nello Spirito. Molti di loro seguono fedelmente le indicazioni della Gospa: il rosario e lettura quotidiana della Bibbia, confessione mensile, Eucaristia tutti i giorni, digiuno due volte a settimana. Del Rinnovamento, Francesco ha fiducia e stima, anche se, nei primi anni Ottanta, ha detto lui stesso, “non li potevo vedere”. “Mi sono ricreduto – ha ammesso nel 2013 tornando da Rio – Fanno tanto bene alla Chiesa”. Di loro e con loro parla sempre con affetto. Qualche anno fa era trapelata un’indiscrezione secondo la quale il Papa avrebbe pensato al Rinnovamento per affidargli la cura pastorale di Medjugorje. Indiscrezione smentita dai vertici del movimento.

BERGOGLIO E LA DEVOZIONE POPOLARE

In più occasioni il Papa ha criticato la “Madonna postina” o “superstar” che mette al centro se stessa. Da cardinale, in un libro intervista con l’amico rabbino Abraham Skorka, aveva detto di provare immediata diffidenza davanti a rivelazioni private e visioni: “Sono tutte cose che mi mettono sulla difensiva”. Questo non significa che non sia “mariano”. Anzi. Devoto di Nostra Signora di Aparecida, spesso ha parlato di Fatima. Prima e al termine di ogni viaggio saluta la Salus Popoli Romani in Santa Maria Maggiore a Roma. E ha un profondo rispetto per la pietà popolare e i santuari mariani. Scrive Francesco in Evangelii gaudium, il manifesto programmatico del pontificato: “Nella pietà popolare si può cogliere la modalità in cui la fede ricevuta si è incarnata in una cultura”. E sui santuari aggiunge: “Il camminare insieme verso i santuari e il partecipare ad altre manifestazioni della pietà popolare è in sé stesso un atto di evangelizzazione. Non coartiamo né pretendiamo di controllare questa forza missionaria”. Infatti in aprile ha trasferito la competenza sui santuari dalla Congregazione per il clero al Consiglio per la nuova evangelizzazione. La sua preoccupazione è richiamare alla “Madonna vera, quella che genera Cristo nel nostro cuore, che è Madre”.

LA ROADMAP DI FRANCESCO E I PRECEDENTI ARGENTINI

Valorizzazione dei frutti spirituali tramite un adeguato accompagnamento dei fedeli per un’autentica devozione mariana. Per attuare questo programma il Papa ha inviato in Bosnia un suo inviato. Se questa è la road map tracciata da Francesco per Medjugorje, ci sono un paio di esempi argentini che la dettagliano e smontano gli allarmismi dei medjugorjani e deludono chi si attende una stroncatura netta. Si tratta di due apparizioni. Una è a Salta. La Chiesa non ha riconosciuto il fenomeno, ma non impedisce al milione di persone che ogni anno vi si reca di andare a pregare e assicura la celebrazione dei sacramenti. Più esemplificativo quello di Nuestra Señora del Rosario di San Nicolás. Qui le apparizioni sono cominciate nel 1983, due anni dopo Medjugorje. Anche lì non sono ancora terminate e ci sono migliaia di messaggi comunicati alla veggente, come a Medjugorje. Il vescovo di quei primi tempi considerò i messaggi “degni di fede”, ne autorizzò la pubblicazione e consacrò un santuario nel 1988. Il 22 maggio 2016 il vescovo Héctor Cardelli con decreto diocesano ha dichiarato le apparizioni di “carattere soprannaturale”. Ma nel marzo scorso l’attuale vescovo, Hugo Santiago, ha deciso di interrompere la pubblicazione dei messaggi. Osservava Andrés Beltramo Alvarez su Vatican Insider che la decisione sembra parte di una risposta pastorale “che riconosce la presenza della Vergine, mira a soddisfare i fedeli e promuovere le conversioni, ma mette al centro la figura di Gesù Cristo e minimizza l’impatto delle rivelazioni private, cercando di evitare la tentazione di protagonismi individuali”. Una decisione che, analizza il vaticanista, “potrebbe fornire indizi su come affrontare la situazione a Medjugorje”.

ultima modifica: 2017-05-19T07:46:58+00:00 da Andrea Mainardi

 

 

 

 

Chi ha letto questo articolo ha letto anche:

  • Caty

    Gesù non aveva scelto dei santi come apostoli…però….dopo aver conosciuto il Signore la vita dei discepoli è cambiata e sono diventati Santi e martiri. Inoltre, non si sono arricchiti sfruttando il messaggio di Gesù. I veggenti di Medjugorje da poveri sono diventati ricchi, da non perfetti non si è visto nessun tentativo di volgere alla santità….non credo che bastino le dichiarazioni di un veggente, che giustifica il possesso di beni di lusso, dicendo che deve pur mantenere la famiglia….nessuno nega di mantenere una famiglia, ma questo si può fare nella sobrietà.
    Io penso che la responsabilità di chi deve trasmettere un messaggio divino sia quella di testimoniare soprattutto con le opere più che con le parole…infastidisce sentire dei veggenti che parlano di digiuno, preghiera e sacrifici mentre guadagnano soldi con gli hotel e vivono in modo benestante…se gli apostoli avessero predicato il Vangelo in abiti lussuosi abitando in palazzi regali, qualcuno li avrebbe presi sul serio? Non si chiede ai veggenti di affrontare il martirio, ma a me sembra che vivano fin troppo comodi e tranquilli per essere detentori di messaggi divini.