La morale delle riforme: ritrovare la “durezza del vivere”

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERAmi sono scontrato – invero, altra definizione non trovo – in un articolo di tommaso padoa schioppa pubblicato sul corsera del 26 agosto 2003 (“berlino e parigi ritorno alla realtà”), nel quale leggo: “nell’europa continentale, un programma completo di riforme strutturali deve oggi spaziare nei campi delle pensioni, della sanità, del mercato del lavoro, della scuola e in altri ancora. Ma dev’ essere guidato da un unico principio: attenuare quel diaframma di protezioni che nel corso del Ventesimo secolo hanno progressivamente allontanato l’ individuo dal contatto diretto con la durezza del vivere, con i rovesci della fortuna, con la sanzione o il premio ai suoi difetti o qualità“. un passo illuminante, che svela come le riforme strutturali, dietro logiche economiche, dissimulano una ben precisa concezione dell’uomo e della umana convivenza. altro che tramonto delle ideologie …. vengono alla mente le pagine di natalino irti sulla tecnocrazia:  “Non basta conoscere le cose come sono (ufficio che può ben demandarsi a ‘esperti’ e ‘tecnici’ della materia), ma occorre volere che esse siano o non siano in un certo modo; questo volere, questo impeto di cambiare la realtà, postula un’interpretazione della vita e della storia, un guardare oltre l’arida pianura della quotidianità. Non c’è ideologia senza filosofia; non c’è filosofia, che voglia farsi azione nel mondo, senza ideologia”,

ultima modifica: 2015-05-20T16:22:05+00:00 da Antonio Maria Leozappa
Click on a tab to select how you'd like to leave your comment

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>