Cosa succede davvero fra Trump, giornali, media e Intelligence

Cosa succede davvero fra Trump, giornali, media e Intelligence
Il commento di Marco Orioles

Prestate molta attenzione a ciò che sta accadendo a Washington in questi giorni. Una vera e propria guerra in corso tra l’amministrazione Trump, parte degli apparati della Repubblica (l’intelligence anzitutto, e poi la magistratura, ecc.), e la stampa. Come 45 anni fa, è il Washington Post che ha segnato un punto contro l’odiato presidente.

L’articolo che ha portato alle dimissioni di Michael Flynn è esemplare di un rapporto conflittuale tra media e governo che riappare costante nella storia americana. Ma c’è dell’altro, a bollire nella pentola. Ci sono trame degne di Hollywood, a Washington. Con un obiettivo preciso: boicottare Trump e la sua rupture.

Per ora è caduta una pedina centrale della squadra di governo: un ex generale che aveva le idee sin troppo chiare su quali siano le priorità (e i nemici) degli Usa. Restate a guardare: lo spettacolo è appena cominciato.

ultima modifica: 2017-02-16T13:06:49+00:00 da Marco Orioles

Chi ha letto questo articolo ha letto anche:

Click on a tab to select how you'd like to leave your comment

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>