Bundestagswahl 2017. Partiti, candidati e sondaggi sulle elezioni in Germania

Bundestagswahl 2017. Partiti, candidati e sondaggi sulle elezioni in Germania

Il 24 settembre si terranno le Bundestagswahl 2017 e la Germania dovrà eleggere il suo nuovo parlamento. Mancano poco più di due settimane a questo importante evento politico e ho quindi deciso, come nel 2013, di dedicare qualche post ai partiti, ai candidati e ai sondaggi.

Il sistema elettorale tedesco prevede l’elezione di 299 deputate/i al Bundestag con sistema maggioritario, ossia nelle 299 circoscrizioni in cui è divisa la Germania, tra tutti i candidati passa solo quello che ottiene anche un solo voto in più rispetto agli altri. Questo è chiamato: primo voto o  “Direktmandat“.

La restante quota di deputate e deputati è eletta invece con un sistema proporzionale corretto. In pratica, con il “secondo voto”, le elettrici e gli elettori indicheranno una preferenza per un partito e la sua lista di candidate e candidati. Questi sono selezionati in base a quanto prevede la legge tedesca. Ossia, attraverso modalità che i singoli partiti decidono nei loro statuti, ma comunque attraverso una serie di passaggi di democrazia interna. Questo vale per AfD quanto per Die Linke, Spd, Cdu, Verdi, FDP e tutti i partiti riconosciuti.

Il sistema  è corretto poiché c’è uno sbarramento al 5%. Le quote di deputate e deputati infatti possono eccedere il numero standard e di legislatura in legislatura variano poiché i seggi vengono ripartiti poi tra i partiti che hanno superato la soglia di sbarramento.

Nei prossimi giorni mi concentrerò solo sui seguenti partiti e rispettivi candidati:

CDU/CSU, Angela Merkel

SPD, Martin Schulz

Grüne, Cem Özdermir e Katrin Göring-Eckardt

Die Linke, Sarah Wagenknecht

FDP, Christian Lindner

AfD, Alice Weidel e Alexander Gauland

Cercherò di esporre i contenuti principali dei vari programmi, senza entrare per ovvi motivi nei dettagli, e di analizzare le strategie comunicative messe in atto in questa campagna.

ultima modifica: 2017-09-10T08:30:49+00:00 da Federico Quadrelli

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: