Poste e Amazon? È alleanza. La mossa di Del Fante

Poste e Amazon? È alleanza. La mossa di Del Fante
Svolta nelle consegne del gruppo guidato da Del Fante. Ora il prossimo obiettivo è trovare il partner assicurativo per l'Rc Auto

Dopo mesi di trattative arriva il patto tra Poste e Amazon. D’altronde più volte lo stesso ceo del gruppo pubblico, Matteo Del Fante, ha indicato nell’e-commerce una delle mission del futuro. E i suoi effetti si fanno anche sentire sul titolo quotato in Borsa. E così anche per Poste si aprono definitivamente le porte del recapito pacchi da e-commerce, visto che finora il gigante fondato da Jeff Bezos si è sempre servito di altri corrieri.

L’accordo in questione ha durata triennale e rinnovabile per un ulteriore biennio, per la consegna di prodotti e-commerce in tutta Italia. La collaborazione Poste-Amazon si inserisce nel piano industriale Deliver 2022 di Poste (qui il focus di Formiche.net), presentato lo scorso febbraio, che prevede consegne anche serali (fino alle 19:45) e nei fine settimana.

In questo senso il gruppo fornirà il servizio attraverso la presenza territoriale garantita da oltre 30 mila portalettere impegnati nelle attività di recapito, dal corriere espresso Sda e dalla flotta Mistral Air, la compagnia aerea del gruppo. Da Poste pongono l’accento su un aspetto, quello tecnologico. E cioè che grazie all’intesa la società “accelera lo sviluppo dell’e-commerce in Italia con positive ricadute sugli investimenti in tecnologia e sull’occupazione. Infatti, al 2020 i dipendenti impegnati nella logistica dei pacchi saranno 10 mila”.

Il titolo in Borsa ha reagito decisamente bene, portandosi a metà seduta sul +1,9%. Ma non c’è solo Amazon nel futuro di Poste. Una scommessa importante è anche quella assicurativa, con il gruppo che si accinge a lanciarsi nella vendita di polizze Rc Auto allo sportello. In questo senso Poste si sarebbe messa a caccia di un partner, avviando una vera e propria gara alla quale avrebbero preso parte anche i tedeschi di Allianz.

Dopo un tentativo iniziale di negoziato diretto con Generali che non avrebbe dato i risultati sperati, avrebbe avviato una gara a tre per la ricerca di un partner assicurativo per l’RcAuto. La società ha deciso di mettere in concorrenza le proposte di diverse compagnie che possano essere interessate a vendere polizze Rc auto allo sportello. Così questa proposta potrebbe arrivare sul tavolo di Del Fante assieme a quella di Generali e di Unipol, che in ogni caso non lascerebbero senza lottare il campo al secondo gruppo assicurativo europeo.

 

ultima modifica: 2018-06-13T17:20:12+00:00 da Gianluca Zapponini

 

 

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: