18 aprile 1948, la vittoria della libertà e della democrazia

18 aprile 1948, la vittoria della libertà e della democrazia

Quel 18 aprile 1948, quando nacque la democrazia repubblicana in Italia. Completati i lavori dell’Assemblea Costituente, il 31 dicembre 1947, i partiti si organizzarono per indire le prime libere e democratiche elezioni per il Parlamento Repubblicano, evento di grande portata storica, dopo la fine della monarchia dei Savoia.

I partiti politici italiani saranno impegnati dagli inizi del nuovo anno e fino ad aprile del 1948 in una durissima e accesa campagna elettorale.  L’attivismo cattolico, di grande sostegno alla Dc di De Gasperi nell’opera di propaganda in periferia come al centro, sarà particolarmente forte e vivace.

In gioco c’è la libertà e la democrazia dell’Italia, che oggi può apparire un dato scontato, ma che allora aveva un significato importantissimo per il Paese, che da appena un lustro era uscito da una tragica dittatura, rischiando di ritrovarsi sotto un’altra, ancora più tragica e sanguinaria quale era il comunismo sovietico. A febbraio nascono i Comitati Civici, per volontà del Presidente dell’Azione Cattolica Luigi Gedda, con l’accordo tacito di Papa Pio XII.

L’azione politica dei Comitati alla fine si rivelerà determinante, di notevole apporto alla vittoria elettorale della Dc e dei suoi alleati centristi. Il 18 aprile 1948, in un clima incandescente, di scontro politico violento, fino all’aggressione fisica si tengono le elezioni: la Dc ottiene il 48,5% dei voti alla Camera dei Deputati, e il 48,1% al Senato. Significa maggioranza assoluta dei seggi.

Alcide De Gasperi risulta vincitore nella battaglia elettorale decisiva. Nasce la democrazia repubblicana in Italia. Le elezioni politiche del 18 aprile 1948 segnano uno spartiacque nella storia repubblicana dell’Italia.

Il trionfo della Dc e dei partiti centristi avvia una storia di democrazia e libertà per il Paese. De Gasperi, nel maggio dello stesso anno insedia il suo V° Governo, proseguendo la stagione del “centrismo”, già in essere con le scelte fatte nel 1947, che inaugurarono l’esperienza riformatrice e ricostruttrice del Paese in politica interna, e un’azione internazionale a favore dell’europeismo e dell’alleanza con gli Stati Uniti.

ultima modifica: 2017-04-19T08:33:23+00:00 da Raffaele Reina

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: