Equo compenso: ma è veramente equo?