Il caso Azzolini e il PD. Due considerazioni critiche