Ciclisti, il diavolo è sulle piste