Barilla e i gay, quando la lungimiranza non è di casa