La regola non scritta della (in)disciplina europea