Le mani cinesi su un videogioco di guerra usato dalla Nato?