Farmaeconomia, quando l'uomo non è più il fine ultimo