Nel cognome della madre, una campagna contro la famiglia