Pedofilia, non è più una malattia e si premia la sua apologia